Nella Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, i Comuni di Ricigliano e San Gregorio Magno hanno inaugurato una panchina rossa.

È stata inaugurata a Ricigliano, in piazza Nuova Europa, una panchina rossa per dire stop a tutti i maltrattamenti fisici, psicologici e morali perpetrati sulle donne.

Presenti il sindaco Giuseppe Picciuoli , il consigliere delegato alla Gentilezza Antonella Salvatore, il parroco don Vincenzo Ruggiero, rappresentanti dell’Amministrazione e gli alunni delle scuole medie accompagnati dagli insegnanti.

“La nostra battaglia non si deve limitare a questa data ma  bisogna educare la persona al rispetto verso gli altri che rappresenta l’unico modo di contrastare ogni tipo di violenza – ha spiegato l’assessore Salvatore – La panchina rossa vuole essere un motivo in più per fermarci a riflettere sulle donne che non ce l’hanno fatta, che per timore non hanno denunciato o quelle che nonostante l’abbiano fatto non sono riuscite a salvarsi “.

Inaugurata la panchina rossa nel pomeriggio anche a San Gregorio Magno presso il Centro “C’era l’Acca” in Largo Sandro Pertini, un simbolo visibile per abbattere il muro dell’indifferenza.

Presenti l’assessore alle politiche sociali Vito Iuzzolino, l’assessore al Patrimonio Carla Grippo, il parroco don Roberto Piemonte, oltre ai vari assessori dei paesi limitrofi che hanno dato vita ad un interessante incontro sulla violenza di genere.

“Quest’oggi abbiamo preso parte ad un’iniziativa importante – ha dichiarato l’assessore Iuzzolino – e finalmente anche a San Gregorio Magno abbiamo un emblema per sensibilizzare i cittadini su un tema così attuale”.

La panchina abilmente dipinta dai ragazzi del Centro sarà situata nel parco giochi del paese.

“ Noi siamo sempre vicini alle tematiche sociali – ha affermato Valentina Bianco coordinatore del Centro – e questa giornata vuole essere un segno e un ricordo, per dare voce anche alle fasce più deboli perché vogliamo rammentare che non è normale che sia normale fare del male”.

 – Serena Picciuolo –

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*