Si è insediato ieri il Consiglio comunale del Comune di Padula guidato dal Sindaco Michela Cimino. Il neo eletto primo cittadino (prima donna nella storia politica padulese) ha giurato sulla Costituzione Italiana, dinanzi ad una folla gremita, nell’aula consiliare della Certosa di San Lorenzo.

Una prima seduta consiliare che ha riservato anche qualche polemica tra la maggioranza Cimino e l’opposizione guidata da Dario Tepedino. Quest’ultimo ha infatti segnalato alcuni accertamenti svolti negli uffici comunali che avrebbero fatto emergere l’ipotesi di incompatibilità alla carica di consigliere comunale per due neo eletti. L’opposizione ha così proposto un aggiornamento per consentire di verificare le varie dichiarazioni e regolarizzare eventuali situazioni.

“Ci sono delle cause precise di ineleggibilità – ha spiegato Tepedino – stiamo chiedendo di mettere in regola una situazione. Siamo aperti alla collaborazione ma vigileremo”.

La proposta è stata rifiutata dalla maggioranza portando così alla votazione della condizione di eleggibilità di ogni consigliere e alla contestazione, da parte dei consiglieri di opposizione, di due eletti. Una situazione definita “strumentale” da parte del gruppo di maggioranza.

Dopo il solenne giuramento del Sindaco Cimino si è proceduto ad ufficializzare la Giunta: saranno assessori Antonio Fortunati, Letizia Caputo, Vincenzo Tardugno e Caterina Di Bianco. Quest’ultima ricoprirà anche il ruolo di Vicesindaco. Le deleghe di assessori e consiglieri saranno rese note in seguito. Consiglieri di maggioranza sono Roberta Giudice, Giuseppe Tierno, Rocco Cimino e Giusy Abbatemarco. Curiosità: anche l’Amministrazione padulese è in prevalenza composta da consiglieri di sesso femminile.

Entrano in minoranza Dario Tepedino, Filomena Chiappardo, Tiziana Bove Ferrigno e Paolo Imparato (ex sindaco e assente in questa prima seduta).

“Ho nel cuore Padula, ci aspetta un lavoro intenso per la comunità. Ringrazio tutti”, sono state le parole commosse del neo Sindaco.

A conclusione un momento di convivialità per ringraziare la cittadinanza.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano