Vicenda sequestro buste ecologiche. La lettera dell’azienda Valplastik L'amministratore Michele Calandriello:"L'azienda non è coinvolta nel sequestro del 18 aprile"












– Lettera alla redazione di Michele Calandriello, amministratore dell’azienda Valplastik –

Il sottoscritto Michele Calandriello, in qualità di amministratore della Valplastik, premesso che la Valplastik produce da oltre un trentennio imballaggi flessibili, che è ubicata nel Vallo di Diano e precisamente nel comune di Teggiano, che nel comune di Sassano, in data 18 aprile, la Guardia di Finanza ha operato un sequestro di shoppers certificate biologiche ma di fatto “taroccate” , in quanto non rispettose delle regole sulla biodegradabilità delle stesse, e che nel comunicato stampa non è riportata la ragione sociale della ditta che ha subìto il sequestro, comunica che l’azienda non è coinvolta nè direttamente nè indirettamente nel sequestro dello scorso 18 aprile.

La Valplastik ad oggi, non è interessata nè è stata mai interessata da operazioni giudiziarie aventi ad oggetto la certificazione delle proprie produzioni.

In relazione a quanto detto, il sottoscritto Calandriello Michele rassicura quanti avessero erroneamente ritenuto che la Valplastik fosse stata coinvolta nel grave fatto del 18 aprile e garantisce a tutti i clienti e a coloro che hanno acquistato e continueranno ad acquistare i prodotti il rispetto delle normative in materia, nonchè la conformità dei prodotti alle relative certificazioni.

– Michele Calandriello –


  • Articolo correlato

18/04/2017 – Sequestrate 450mila buste ecologiche taroccate in una nota azienda del Vallo di Diano




Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*