Valorizzazione dell’agricoltura. Il Comune di Gioi aderisce alla “Carta di Matera” Il sindaco Salati:"Si tratta di un'opportunità unica"























Anche il Comune di Gioi aderisce alla “Carta di Matera” definita dalla Confederazione Italiana Agricoltori, nel corso della  Festa Nazionale dell’Agricoltura a settembre 2010 a Matera, un “documento di princìpi” come la rivalutazione dell’attività agricola in tutte le sue forme, la salvaguardia dell’agricoltura e del suo patrimonio, del suolo e dell’ambiente e la valorizzazione del rapporto tra cibo e territorio.

Il documento programmatico, cui ha formalmente aderito anche l’ANCI, è stato proposto ai Comuni italiani per promuovere l’agricoltura quale risorsa fondamentale del tessuto socio-economico.

L’adesione alla Carta di Matera ci è sembrato un atto importante e doveroso in quanto i suoi princìpi – spiega il sindaco Andrea Salatidanno centralità all’agricoltura, attività prevalente del territorio, che costituisce un’opportunità unica sotto il profilo economico, ambientale e territoriale perché consente occasioni di occupazione nel settore e garantisce la salvaguardia dello spazio rurale e dell’ambiente, anche con modelli di sviluppo rurale economicamente sostenibili in grado di garantire alimenti sani, tracciabilità, tutela delle tradizioni enogastronomiche, a vantaggio del benessere e della salute dei cittadini consumatori”.







Nel prossimo futuro sarà dato spazio ad un’azione di promozione dell’agricoltura sul territorio, attivando una sempre maggiore collaborazione con gli agricoltori e le associazioni di categoria, con la semplificazione dei rapporti tra agricoltori ed Enti Locali con azioni per favorire la gestione programmata del territorio e la cultura del cibo con l’uso consapevole dell’agroalimentare tipico e locale, una ristorazione che si richiami alla cucina dell’antica civiltà contadina con prodotti locali di qualità per valorizzare le tradizioni alimentari locali anche a livello turistico ”, conclude il sindaco di Gioi.

– Chiara Di Miele –



























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*