Università Salerno: Piero Terracina, sopravvissuto ad Auschwitz, riceve il sigillo d’ateneo





































È stato conferito ieri mattina a Piero Terracina il sigillo d’oro, la massima onorificenza universitaria, dell’ateneo salernitano. La consegna, dalle mani del rettore Aurelio Tommasetti, è avvenuta, a nome di tutta la comunità accademica, ai margini del terzo incontro sul ricordo della Shoah, organizzato dall’università di Salerno, da Unis@und webradio e dal Cral.

Piero Terracina aveva 15 anni quando, insieme ai suoi cari, fu arrestato e deportato nel campo di sterminio di Auschwitz. Matricola A5506, fu l’unico degli otto componenti della sua famiglia a fare ritorno in Italia.  Da anni incontra giovani e giovanissimi per raccontare l’orrore che è stato e che ha vissuta sulla propria pelle; un dovere che Terracina sente nei confronti di tutta la sua famiglia, che non ha avuto la possibilità di parlare, e di tutti quelli che non sono tornati dai lager.

– Gianpaolo D’Elia –








 

































Comments are closed.