Trovato in auto con una prostituta, 45enne di Roccadaspide tenta di investire agenti della Municipale

























Viene scoperto dalla Polizia Municipale mentre è in auto in compagnia di una prostituta. Oppone resistenza e poi, per darsi alla fuga, tenta di investire gli agenti. E’ successo lungo la litoranea di Eboli e il protagonista della vicenda è un 45enne di Roccadaspide di cui in seguito si sono perse le tracce.

L’uomo è stato controllato mentre era a bordo della sua Bmw, risultata non revisionata, insieme ad una prostituta. Gli agenti della Polizia Municipale ebolitana si sono dunque avvicinati all’auto e così il 45enne, commerciante nel centro cilentano, ha prima inveito contro di loro e ha strappato il verbale fattogli per aver violato l’ordinanza del sindaco Cariello che vieta di intrattenersi sul territorio comunale con le prostitute.

In seguito l’uomo, dopo che gli agenti hanno scoperto l’assenza della revisione della Bmw, è salito in auto e si è dato alla fuga tentando di investirli.






Il 45enne, sulle cui tracce si sono messi gli agenti ebolitani, è stato nel frattempo denunciato per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale e sfruttamento della prostituzione.

– Chiara Di Miele –



























Un commento

  1. Affermo che, anche con le nuove disposizioni legislative, le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell’Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso. In più per le medesime ragioni, i primi provvedimenti suddetti non possono essere emessi per problematiche permanenti ed i secondi non possono riguardare materie di sicurezza e/o ordine pubblico.
    P.S. I relativi soggetti possono essere sanzionati per evasione fiscale, anche per le tasse locali (art. 36 comma 34bis Legge 248/2006, come chiarificato dalla Cassazione con la Sentenza n. 10578/2011).

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*