Trivellazioni in Basilicata. Il Wall Street Journal: “E’ il Texas italiano”























Il Wall Street Journal, tramite un articolo dal titolo ‘L’Italia trivella per far fronte alla crisi”, definisce la Basilicata come il “Texas italiano” per i suoi giacimenti di “oro nero” e denuncia il tentativo del governo italiano di accelerare sulle trivellazioni per l’estrazione di petrolio.

Secondo il quotidiano americano, infatti, Palazzo Chigi “affamato di entrate, a caccia disperata di nuovi posti di lavoro e di politiche che sconfiggano la recessione, sta cercando di sgombrare la strada perché l’Eni e le altre grandi compagnie petrolifere possano accelerare le trivellazioni. Questo dopo che per anni i governi locali hanno ostacolato la produzione tra le proteste e le preoccupazioni sui possibili danni all’industria del turismo e all’ambiente”. “L’obiettivo – scrive il Wsj – è di raddoppiare la produzione nazionale annuale di petrolio e tagliare il costo delle importazioni energetiche di circa un quarto entro il 2020″.

L’articolo evidenzia che “La maggior parte delle riserve di petrolio italiane si trova in Basilicata, una regione montuosa e agricola caratterizzata da pittoreschi uliveti e villaggi medievali” e ricorda le lunghe trattative dell’Eni “per un accordo con i politici locali su come ripartire i proventi della Val d’Agri, che ad oggi è il più grande campo petrolifero onshore in Europa”.
L’articolo, inoltre, ricorda le modifiche recenti del Governo per consentire più royalties alle casse locali, con una quota maggiore stanziata per le infrastrutture regionali, per semplificare le procedure di richiesta e aprire le aree offshore all’esplorazione.







Eni e Shellsi legge nell’articolo hanno già i permessi di aumentare la produzione a 104.000 barili e stanno spingendo per avere il permesso di aumentarla a 129.000 barili. Total SA , Shell e la società di trading giapponese Mitsui & Co. stanno investendo 1,6 miliardi nel tentativo di sfruttare un campo chiamato Tempa Rossa“.

Intanto i sindaci del Vallo di Diano si incontreranno giovedì 16 Gennaio, presso la sede della Comunità Montana di Padula, per discutere della richiesta da parte della società Eni per realizzare il pozzo petrolifero “Pergola 1″ nel Comune di Marsico Nuovo.

– ondanews –

 



























Comments are closed.