Torre Orsaia intitola al Brigadiere Tripodi, ucciso dalla ‘Ndrangheta, la nuova Stazione dei Carabinieri



































È iniziata sulle note della “Fedelissima”, suonata dal 10° Reggimento dell’Arma dei Carabinieri della Campania, la cerimonia di intitolazione e inaugurazione della nuova Stazione dei Carabinieri di Torre Orsaia alla memoria del Brigadiere Carmine Tripodi.

Nel 1986 già gli fu conferita la Medaglia d’oro al valore militare dopo un anno dalla sua uccisione avvenuta il 6 febbraio 1985. Originario di Castel Ruggero e dal 1984 Comandante presso la Stazione dei Carabinieri di San Luca, Tripodi fu ucciso dalla ‘Ndrangheta mentre rientrava a casa. La sua auto fu bloccata e vennero esplosi colpi di pistola.

Questa mattina un riconoscimento è arrivato alla famiglia Tripodi. Alla presenza delle massime autorità dell’Arma, delle autorità civili, della madre, del padre e della nipote, la signora Maria Rachele, è stata inaugurata la nuova caserma. Al Brigadiere sono state dedicate una targa e una lapide.






Maria Rachele Tripodi ha tagliato il nastro che ha ufficializzato l’apertura della caserma. “L’inaugurazione di una nuova Caserma dei Carabinieri è un evento di grande importanza sociale e istituzionale perché rappresenta il legame dell’Arma dei Carabinieri alla popolazione – ha dichiarato il Comandante Provinciale dei Carabinieri, Colonnello Antonino Neosi.

Si è rivolto ai cittadini e alle istituzioni locali anche il Comandante di Legione, il Generale Cinque che ha riconosciuto il “merito alle istituzioni locali di aver conferito all’Arma una sistemazione più funzionale allo scopo di tutelare meglio il territorio”. Sono giunti i ringraziamenti del sindaco di Torre Orsaia Pietro Vicino a tutte le istituzioni che hanno reso possibile l’apertura della nuova caserma.

– Maria Emilia Cobucci –

  

























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*