Taglio del nastro dei nuovi pontili della Lega Navale a Salerno. Banca Monte Pruno supporta il progetto



























 

Nel tardo pomeriggio di ieri si è tenuto il taglio del nastro dei nuovissimi pontili della Lega Navale Italiana – Sezione Salerno, progetto fortemente voluto dal Presidente Fabrizio Marotta, che permetterà a numerose imbarcazioni di potersi servire di questo attracco proprio nel centro della Città di Salerno, alle spalle di Piazza della Concordia. Come affermato proprio da Marotta si tratta di un’opera di riqualificazione di un’area di assoluta importanza non solo per i soci della Sezione, ma per tutta la nautica salernitana.

Il progetto è stato realizzato grazie al supporto della Banca Monte Pruno, che ha partecipato al taglio del nastro con il Vicepresidente Antonio Ciniello ed il Responsabile della Segreteria di Direzione Antonio Mastrandrea, dimostrando tutta la sua vicinanza nei confronti della Città di Salerno e verso la sezione cittadina della Lega Navale Italiana, la quale ha voluto ringraziare, a sua volta, la Banca Monte Pruno per l’intervento e il supporto fornito alla realizzazione di questi nuovi pontili galleggianti.







Siamo particolarmente felici – ha dichiarato il Direttore Generale della Banca Monte Pruno Michele Albaneseper questo fine settimana intenso che ci mettiamo alle spalle, in quanto, contraddistingue quello che è il nostro impegno su tutto il territorio di competenza non dimenticando le nostre origini e stringendo la mano alle nuove zone di competenza, come Salerno. I nostri giovani stanno conducendo un percorso di cui andiamo veramente fieri sia per l’aggregazione che stanno creando tra di loro mettendo al centro il territorio sia per i principi che riescono a promuovere. Questo entusiasmo si coniuga ottimamente con l’importante inaugurazione presso la Lega Navale Italiana Sezione di Salerno che sintetizza l’impegno della nostra struttura per la crescita del territorio e degli Enti che operano su di esso con passione ed attenzione”.

– Chiara Di Miele –



























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*