Sala Consilina: una lavagna interattiva ai bambini del “Sant’Antonio” per il concorso “Via dalla Strada” La classe seconda ha realizzato un manufatto con materiali di riciclo rappresentante una fiaba

































Presso la scuola primaria “Sant’Antonio” di Sala Consilina è avvenuta ieri la premiazione dei bambini della classe seconda, che hanno partecipato al concorso “Via dalla Strada” promosso dall’AMREF, un’associazione umanitaria che ha per testimonial Giobbe Covatta, famoso comico televisivo.

Alla premiazione erano presenti il sindaco di Sala Consilina Francesco Cavallone, il Dirigente Scolastico Salvatore Gallo, la Responsabile del Plesso Rosa Mega e la Direttrice del Centro Commerciale “Diano” di Atena Lucana Emanuela Califano.

L’AMREF si occupa di fronteggiare il problema della carenza di acqua potabile nelle zone più disagiate del mondo, creando pozzi e fiumi. “Chi è nato nel benessere non può rimanere sordo di fronte alla povertà: l’educazione alla sensibilità è fondamentale” ha sottolineato il Dirigente Scolastico, presentando l’incontro.






Il concorso era rivolto agli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado in varie regioni italiane per avvicinare i ragazzi a queste tematiche. A riguardo, il sindaco ha ricordato come “nella nostra società vive una demonizzazione del diverso: con questa iniziativa si tende una mano alle persone bisognose“.

I bambini, fortemente invogliati dall’insegnante Rosa Mega, hanno realizzato un manufatto con materiali di riciclo rappresentante una fiaba, con il quale sono riusciti a vincere una LIM, una lavagna interattiva multimediale.

Durante la premiazione sono stati proiettati video dell’AMREF, mentre venivano distribuiti gadget offerti dal Centro Commerciale “Diano”, sempre pronto a promuovere iniziative sociali.

I nostri sono piccoli gesti che possono fare la differenza” ha concluso Rosa Mega, invitando le nuove generazioni all’accoglienza e alla fiducia verso il prossimo.

– Justine Biancamano –

  





























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*