Sala Consilina: Le “bollette pazze” del servizio idrico saranno annullate



















bolletteLe bollette pazze del servizio idrico recapitate a migliaia di cittadini saranno annullate.

Ad annunciarlo, questa mattina, attraverso un avviso pubblico è stata l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Gaetano Ferrari.

“A seguito delle verifiche dei pagamenti dei canoni idrici relativi agli anni pregressi – si legge nell’avviso fatto diffondere dall’amministrazione salese – sono emerse alcune incongruenze causate dal cattivo funzionamento del sistema informatico. Pertanto, la Ditta Andreani, incaricata dal Comune di Sala Consilina per la riscossione delle morosità, ha inviato lettere di sollecito anche a coloro che hanno regolarmente pagato, creando notevoli disagi all’utenza cittadina.‎ L’Amministrazione comunale doverosamente chiede scusa per quanto verificatosi e per rimediare a tale inconveniente rassicura la Cittadinanza, preannunciando la sospensione dell’attività di recupero errata posta in essere.‎ Eventuali pagamenti non dovuti, eseguiti in questi giorni per effetto degli erronei solleciti, saranno comunque restituiti agli aventi diritto“.






Nei giorni scorsi centinaia di persone hanno preso d’assalto gli uffici del Comune per chiedere chiarimenti sul perchè della seconda richiesta di pagamento. Il vicesindaco Cartolano, nell’intervista rilasciata ieri ad Ondanews, aveva chiesto scusa ai cittadini anticipando che sarebbe stata trovata una soluzione al problema. Soluzione che è arrivata oggi a distanza di 24 ore con la sospensione della procedura di recupero attivata dalla società Andreani.

In parole povere le bollette emesse e recapitate a mezzo raccomandata non dovranno essere pagate. Le verifiche saranno effettuate in modo corretto e solo chi è realmente moroso riceverà l’ingiunzione di pagamento.

Erminio Cioffi – ondanews – 

– Articolo correlato –

09/01/2014 – Sala Consilina: Recapitate migliaia di bollette pazze per il consumo dell’acqua, insorgono i cittadini

























Comments are closed.