Sala Consilina, morte Rosaria Lobascio. I genitori ospiti a “La Vita in Diretta”





























Questo pomeriggio al programma “La Vita in diretta estate”, in onda su Rai uno, sono stati ospiti i genitori di Rosaria Lobascio, la 22enne morta lo scorso 8 giugno all’ospedale “Curteri” di Mercato San Severino a seguito di un intervento di riduzione dello stomaco. La puntata ha trasmesso con un collegamento dalla casa di Rosaria a cui era presente anche l’avvocato Angelo Paladino che rappresenta la famiglia della ragazza. Il papà ripercorre l’iter a cui è stata sottoposta la figlia specificando che i medici avevano loro assicurato che si trattava di un intervento di routine con poche probabilità di rischio.

Rosaria è stata dimessa dopo pochi giorni dall’intervento, nonostante non stesse bene – ha dichiarato – infatti continuava a vomitare e ad accusare dolori allo stomaco ma i medici ci hanno rassicurato che era normale a causa del suo fisico. Io però vedevo delle signore nella sua stanza, sottoposte allo stesso intervento, che stavano bene”.

Nel corso della diretta è intervenuto anche il dottor Giancarlo Accarino dell’Azienda ospedaliera dell’Università di Salerno sostenendo che il personale medico dell’ospedale di Mercato San Severino ha agito nella norma e che il primo intervento era riuscito alle perfezione: “Esprimo il mio cordoglio e la mia solidarietà alla famiglia. Non si può rimanere insensibili di fronte alla perdita di una giovane vita”.





Rosaria era pienamente convinta di sottoporsi all’intervento perché voleva stare bene con se stessa e realizzare il suo sogno di diventare un Carabiniere. Prima dell’intervento aveva trascorso un anno di preparazione incontrando dei nutrizionisti e psicologi.

L’ospedale di Polla presso cui la ragazza era stata portata prima di essere ricoverata per un secondo intervento a Mercato San Severino ha preferito non intervenire.

– Miriam Mangieri –

























3 Commenti

  1. Anche io 3 anni fa ho subito lo stesso intervento allo stomaco e i primi giorni e normale che ti fa leggermente male e se segui la dieta loro non succede nulla e sempre un intervento …

  2. Nella vita gli assenti, per volontà, hanno sempre torto. Oggi è toccato all’Ospedale di Polla, una pagina vergognosa tristissima per il Vallo di Diano, a livello NAZIONALE

    • Annamaria says:

      Ma torto di cosa? Rosaria aveva subito l’intervento altrove, non a Polla. Insomma vogliamo vedere la realtà oppure condannare il nostro nosocomio solo perché non era attrezzato ad accogliere la povera Rosaria? Attrezzature che bisognava avere dalla sanità, buttata indietro a causa dei soldi che non bastavano mai all’ ex governo Renzi. Perciò Rocco, rifletti sul fatto che Polla è il primo ospedale vicino, nel caso ti venisse un malore improvviso, che ti può impedire la morte. Prima di arrivare a Salerno o Vallo della Lucania. Ragiona prima di scrivere con la pancia invece che con la testa!!!

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*