Pulizia fondali marini, Dario Vassallo scrive al Ministro Costa:”Arrivate tardi, il progetto è nostro” Il presidente della Fondazione Vassallo:"Mio fratello è stato ucciso anche per la tutela dell'ambiente"





































Il Ministro Costa è arrivato con tre anni di ritardoil progetto sulla pulizia dei fondali marini è il nostro”. Risponde così il Presidente della Fondazione “Angelo Vassallo, sindaco pescatore”, Dario Vassallo, all’annuncio fatto ieri sui social dal Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, sulla pulizia del mare dai rifiuti. Dal 2010 la Fondazione dedicata ad Angelo Vassallo, ucciso il 5 settembre 2010 con nove colpi di pistola, porta avanti, insieme ai pescatori di Acciaroli, il sogno del sindaco sulla pulizia dei fondali marini. Un sogno diventato realtà grazie all’impegno di Dario, il fratello di Angelo che nel 2015 ha presentato un disegno di legge sulla pulizia dei fondali marini al Parlamento italiano e alla Conferenza mondiale sugli oceani che si è tenuta negli Usa.

Tutti i Ministri italiani fanno finta che la Fondazione Vassallo non esista– spiega Dario. – Ci vuole rispetto. Questo progetto è il sogno di Angelo perché mio fratello è stato ammazzato anche per la tutela del mare e dell’ambiente”.

Sto preparando una lettera che invierò domani al Ministro Costa, nella quale ribadirò che il progetto è una nostra invenzione ed è stato riconosciuto a livello mondiale– racconta Vassallo che spiega come, da otto anni, il progetto sulla pulizia dei fondali marini viene portato avanti dal Comune di Pollica. –Ad Acciaroli ogni giorno sei pescherecci raccolgono l’immondizia in mare che si impiglia nelle reti durante le battute di pesca. I rifiuti raccolti vengono portati sul porto dove gli operatori comunali li raccolgono, li differenziano e li depositano nell’isola ecologica, il tutto avviene a costo zero“.





Chi in Italia ha copiato il nostro progetto invece, lo ha fatto ottenendo finanziamenti europei mentre il Comune di Pollica è l’esempio di come tale progetto si possa fare a costo zero. In Parlamento nel 2015 chiedemmo, attraverso la presentazione di una proposta di legge, di adottare tale disegno e di incentivare tutti i pescatori offrendo loro degli sgravi fiscali di poche centinaia di euro sul pagamento delle tasse. La proposta di legge venne adottata nella legge di Stabilità del 2015 ma fu tolto ogni riferimento ad Angelo e alla Fondazione. Ho tutto documentato -conclude Vassallo – Chi si occupa di ambiente in politica ricevendo incarichi importanti, deve sapere che l’acqua del mare è salata”.

– Mariateresa Conte 

 





























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*