Processo Chernobyl. Assolti i 38 imputati perché “il fatto non sussiste”





























processo-chernobyl-28-marzo-2018

Si è tenuta questa mattina, presso il Tribunale di Salerno, l’udienza conclusiva del Processo Chernobyl.

Il Presidente Ferrara ha dichiarato assolti i 38 imputatiperché il fatto non sussiste. Inoltre, per gli altri capi di imputazione verso gli stessi imputati, non si interviene poiché sono andati in prescrizione“.





Il processo Chernobyl è iniziato nel 2007 e gli imputati erano stati accusati di reato di disastro ambientale per lo smaltimento di circa 280mila litri di fanghi annui, generati dalla depurazione di acque reflue urbane.

Tra i siti di smaltimento vi erano anche terreni nei comuni di San Pietro al Tanagro, San Rufo e Teggiano.

Presente in Tribunale anche il Presidente della Codacons Vallo di Diano, Roberto De Luca, visibilmente provato dalla sentenza emessa dal giudice.

– Rosanna Raimondo –


  • Articoli correlati:

14/02/2018 – Processo Chernobyl, pm chiede assoluzione degli imputati per disastro ambientale. Il 7 marzo la sentenza

31/01/2018 – Processo Chernobyl. Maresciallo dei Carabinieri che ha partecipato alle indagini ascoltato come testimone

30/09/2016 – Processo Chernobyl. All’Audizione della Commissione Speciale presente solo Teggiano

25/02/2014 – Processo Chernobyl: rinviati a giudizio tutti gli imputati

 

 

























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*