Presentato al “Pomponio Leto” di Teggiano il nuovo Liceo Scientifico Matematico





































 

È stato presentato questa mattina, nell’Aula Magna dell’Istituto di Istruzione Superiore “Pomponio Leto” di Teggiano, il progetto che ha dato vita al nuovo Liceo Scientifico Matematico in collaborazione con il Dipartimento di Matematica dell’Università degli Studi della Basilicata.

L’offerta formativa del nuovo Liceo Scientifico Matematico, unico nella provincia di Salerno, è arricchita dal potenziamento di quattro discipline: la Fisica, l’Informatica, la Logica e la Cosmologia, con l’inserimento di laboratori didattici. Ogni modulo avrà tra le 16 e le 18 ore aggiuntive a quelle curriculari, coordinate dal professore Roberto Manzolillo, docente di Matematica nell’istituto di Teggiano e dalla professoressa Maria Rosaria Enea delegata all’incarico dall’Università degli Studi della Basilicata.







La presentazione ha avuto luogo alla presenza del Dirigente Scolastico del “Pomponio Leto” Rocco Colombo, del Direttore di Dipartimento di Matematica all’Università della Basilicata Onofrio Mario Di Vincenzo, del professore Antonio Azzollini responsabile del Dipartimento, e della referente per il Liceo Scientifico Matematico Maria Rosaria Enea.

“Il nostro compito è quello di fornire competenze diverse rispetto ai licei tradizionali, soprattutto quelle di logica, sempre più richieste nei test universitari e nel mondo del lavoro” ha spiegato il Dirigente Scolastico Rocco Colombo ai giovani studenti del primo anno del nuovo Liceo Scientifico e ai genitori presenti.

Il percorso sarà arricchito da laboratori ideati dai docenti universitari, con la collaborazione dei docenti dell’istituto, per garantire anche una conoscenza argomentativa delle discipline scientifiche.

Partiamo con un progetto coerente che ha come punti di forza la metodologia, l’interdisciplinarita’ e il rapporto scuola-università” ha concluso il Direttore di Dipartimento Onofrio Mario di Vincenzo.

– Justine Biancamano –

































Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*