Politiche sociali. Dalla Regione Campania 60 milioni per misure a sostegno di persone svantaggiate





























Entra nella fase operativa il programma I.T.I.A. (Intese Territoriali di Inclusione Attiva) della Regione Campania che mette in campo misure a sostegno delle persone svantaggiate e a rischio esclusione in complementarietà con la misura nazionale del Reddito di Inclusione.

Complessivamente vengono stanziati 60 milioni di euro finalizzati a servizi di supporto alle famiglie (25,5 milioni), percorsi di empowerment (20,2 milioni) e tirocini per l’inclusione sociale (14,3 milioni di euro, di cui 6,5 milioni rivolti esclusivamente a persone con disabilità).

Soggetti attuatori di ogni singola intesa sono i partenariati composti, oltre che dagli Ambiti Territoriali in qualità di capofila, dagli enti del terzo settore, soggetti promotori di tirocini finalizzati all’inclusione sociale, dagli istituti scolastici, soggetti accreditati per l’erogazione di servizi di empowerment (percorsi formativi e servizi di sostegno orientativo), dai sindacati e dalle associazioni datoriali di categoria.







Ogni progetto I.T.I.A. realizza un Centro Territoriale di Inclusione (uno per Ambito Territoriale) per erogare servizi di sostegno a persone e famiglie svantaggiate, in condizioni di vulnerabilità e fragilità sociale secondo le tre misure previste dai finanziamenti (servizi di supporto alle famiglie, percorsi di empowerment, tirocini per l’inclusione sociale). Nell’erogazione delle misure di sostegno sarà data priorità a persone con disabilità, giovani e donne.

Parte un’iniziativa molto importante sul versante delle politiche sociali: con gli I.T.I.A., le misure a sostegno dei più deboli e delle persone svantaggiate diventano iniziative concrete per il reinserimento attivo dei soggetti coinvolti nei programmi di aiuto – afferma l’assessore regionale alle Politiche Sociali, Lucia Fortinila Regione Campania investe risorse a sostegno dei più deboli, coinvolgendo il terzo settore, gli enti locali, le imprese e organizzazioni sociali. Vogliamo, in questo modo, promuovere un modello di welfare moderno, vicino e attento alle esigenze del territorio, dove tutti possono e debbono avere un’opportunità”.

– Chiara Di Miele –





























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*