Padula:l’Amministrazione Comunale sperimenta azioni di crowdfunding per tutelare il patrimonio culturale

































La Giunta Comunale di Padula con delibera ha approvato gli indirizzi per la sperimentazione di azioni di crowdfunding dedicate alla tutela del patrimonio culturale, allo sviluppo della cultura e al rilancio del turismo e gli indirizzi per l’individuazione dei progetti co-finanziati. La modalità di finanziamento di progetti attraverso il crowdfunding prevede la realizzazione di una campagna di raccolta fondi, mediante apposite azioni, per la promozione di iniziative di innovazione nel campo della tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo che l’Amministrazione Comunale non può sostenere finanziariamente ed interamente, ma che ritiene di fondamentale importanza e comunque coerenti con le politiche di sviluppo del Comune di Padula.

L’idea progettuale prevede, inoltre, all’interno delle strategie di fundraising da attivare per garantire la sostenibilità del progetto, la sperimentazione di forme pilota di crowfunding territoriale, inteso come strumento per promuovere condivisione, collaborazione, partecipazione, aggregazione e attivazione di risorse intorno a progetti coerenti con gli obiettivi dell’Amministrazione comunale.

Il Comune di Padula intende, dunque, favorire l’individuazione, ai fini della definizione di una scala di priorità secondo il modello partecipativo, di beni di proprietà pubblica che necessitino di manutenzione ordinaria e straordinaria, protezione e restauro da realizzare coerentemente con il modello agevolativo dell’art bonus e mediante cofinanziamento pubblico, di progetti in campo culturale da realizzare in coerenza con i princìpi della sussidiarietà orizzontale, mediante finanziamento in crowdfunding e con eventuale cofinanziamento pubblico, di progetti in campo turistico, da realizzare in coerenza con i principi della sussidiarietà orizzontale, mediante finanziamento in crowdfunding e con eventuale cofinanziamento pubblico.






La sperimentazione che si propone – spiega l’assessore alla Cultura Filomena Chiappardorisulta particolarmente innovativa poiché, da un lato, attraverso una logica di crowdfunding, è possibile avviare un processo collaborativo per condividere e sostenere gli sforzi di persone ed organizzazioni diverse avviando un processo di finanziamento ‘dal basso’ che favorisce la partecipazione dei cittadini alle azioni di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e artistico del Comune di Padula”.

– Chiara Di Miele –

 

 





























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*