La Comunità Montana Vallo di Diano ribadisce il suo “No” al pozzo petrolifero “Pergola 1”























Dobbiamo essere uniti e mettere da parte i campanilismi per poter respingere l’ennesimo attacco che arriva al nostro territorio da parte delle compagnie petrolifere“.

E’ stato questo il messaggio lanciato ieri dal presidente della Comunità Montana Vallo di Diano, Raffaele Accetta, durante il consiglio generale dell’Ente Montano convocato per discutere della vicenda relativa alla costruzione da parte dell’ENI di un pozzo petrolifero denominato “Pergola 1” nel comune di Marsiconuovo in provincia di Potenza ma a pochi chilometri dal confine con il Vallo di Diano ed in particolare con il comune si Atena Lucana. Alla consiglio generale anno preso parte la maggior parte dei‎ sindaci o loro delegati dei comuni del comprensorio, il consigliere provinciale Rocco Giuliano ed il consigliere regionale Donato Pica. Presenti anche cittadini della Val d’Agri e i rappresentanti dei comitati “No al Petrolio nel Vallo di Diano” e “Dianoinpiena”.

Nel corso della discussione, così come già più volte sottolineato, è stato ‎‎spiegato come la situazione, rispetto a quella di due anni fa, sia molto più grave perchè la richiesta fatta dall’ENI è direttamente finalizzata alla realizzazione del pozzo e il Comune interessato si trova in un’altra regione. L’unica possibilità per poter bloccare l’iter amministrativo avviato dall’Ente Nazionale Idrocarburi è quella di far intervenire l’autorità regionale che controlla le acque nel distretto “Campania Sud” perché con le perforazioni può essere intaccato bacino idrogeologico del Vallo Diano con il conseguente inquinamento della falde acquifere.





 – Erminio Cioffi –

  • Guarda le interviste

 


 

























Comments are closed.