Padula: Ieri incontro su “La violenza sulle donne – il rifugio degli incapaci”



































Si è tenuto ieri, presso l’Aula Consiliare in Piazza Umberto I a Padula, l’incontro sul tema “La violenza sulle donne – il rifugio degli incapaci”, patrocinato dall’Assessorato alla Cultura, al Turismo e allo Spettacolo della Città di Padula, in collaborazione con il “ Circolo Sociale Carlo Alberto 1886” e l’Associazione “ La tua solidarietà” e moderato da Fiorella Loffredo, giornalista de “ La Città”.

Numerosi gli ospiti presenti, che hanno dato un valido contributo alla discussione su un argomento di grande attualità, quello relativo alla violenza sulle donne, che in molti casi, troppi purtroppo, porta addirittura alla morte. Dopo i saluti introduttivi del sindaco Paolo Imparato, dell’Assessore alle Pari opportunità della Città di Padula, Michela Cimino, dei presidenti delle Associazioni coinvolte, Felice Tierno e Rosapia Mangieri, dell’On. Donato Pica, si è passati nel vivo dell’incontro con una dettagliata introduzione dell’Assessore alla Cultura Tiziana Bove Ferrigno, che ha fortemente voluto questo momento di incontro e riflessione, al tema della violenza di genere, che non è solo fisica, ma anche psicologica, forse ancora più pericolosa, perché porta ad accettare gli abusi senza alcuna forma di reazione.

Il coraggio della denuncia: questo l’appello che più volte è stato ripetuto, perché il cambiamento è possibile solo se ognuno contribuisce alla costruzione di una nuova mentalità. Donne determinate, tenaci, che credono fortemente in ciò che fanno, che non si lasciano abbattere dalle difficoltà, sono state le protagoniste dell’incontro, che ha visto la partecipazione della giornalista Mariangela Petruzzelli, ideatrice del premio “ Miss Chef” rivolto ad appassionate chef “in rosa” e portavoce dell’Associazione “Libere Donne”di Crotone, di Pina Esposito, Assessore alle Pari Opportunità della Provincia di Salerno, di Maria Anna Fanelli, Consigliera di Pari Opportunità della Regione Basilicata, che hanno puntato l’attenzione sull’importanza delle donne impegnate in politica e sulla questione delle “quote rosa”, “un male necessario” che può favorire la partecipazione attiva alla vita delle proprie comunità.







Le conclusioni, introdotte dall’intervento della psicologa Fosca Pinto, sono state affidate alla scrittrice Rosanna Filomena, che ha presentato in anteprima nazionale il suo libro “Lo scettro del re”, nel quale, attraverso quattro storie, ognuna delle protagoniste si mostra nella consapevolezza del male subìto, sfinita, stanca, deformata nell’essere, ma anche forte, capace di controllare – almeno nella ragione – l’incedere nefasto della sopraffazione.

Gli intermezzi musicali sono stati eseguiti dal Maestro Antonio Cimino e del Maestro Francesco Langone.

Due le “icone” della giornata: Filomena Lamberti, di Salerno, sfigurata con l’acido dal marito ed intervistata da Fiorella Loffredo, che ha proposto la visione del video di quei momenti, e Lea Garofalo, vittima della ‘ndrangheta e del suo ex marito.

– Filomena Chiappardo –


 

































Comments are closed.