Padula: Continuano gli atti di inciviltà delle persone. Rifiuti abbandonati per strada e nei boschi – FOTO –



















La salvaguardia del territorio in cui viviamo è uno degli impegni principali al quale ogni cittadino è chiamato: tutti abbiamo l’obbligo, il dovere di consegnare alle generazioni future un ambiente sano e pulito. Purtroppo il messaggio non è ancora chiaro e  il territorio continua a subire veri e propri “atti di violenza” per l’ignoranza e l’inciviltà di chi persiste nell’abbandonare rifiuti di vario genere in giro, in diverse zone di Padula.

In zona Cicirelli, in zona Piesco, a pochi metri dal parcheggio della Certosa, a Padula Scalo, addirittura lungo un sentiero naturalistico riqualificato dal Consorzio di Bonifica Integrale Vallo di Diano e Tanagro, si trovano rifiuti di ogni genere: si va dalle bottiglie di vetro, alla plastica, a materassi, a lampadari, a copertoni, a televisori ed elettrodomestici vari, a contenitori di plastica,  a stampanti, a sacchi di immondizia pieni di materiale indifferenziato,  raccolto tutto insieme, lasciati a giacere lungo il corso del fiume Calore – Tanagro.

Ancora una volta siamo chiamati ad un atto di responsabilità nei confronti del nostro territorio: gli Enti, il Comune, tutti i cittadini, a partire dai bambini, hanno l’obbligo di impegnarsi maggiormente nella cura e nella tutela dell’ambiente. Chi è preposto alla vigilanza e al controllo lo faccia con una costanza ancora maggiore perché coloro che persistono nell’abbandono dei rifiuti vengano sanzionati, creando un “esempio” per il resto della cittadinanza. Lasciare sacchi di immondizia nei canali in cui passa acqua, lungo la riva del fiume è un atto doppiamente pericoloso e non più tollerabile. Iniziando da noi stessi, dal quartiere in cui viviamo, lanciamo il messaggio che fare la raccolta differenziata dei rifiuti è un atto di responsabilità che tutela l’ambiente in modo concreto. Cambiare rotta si può. Dipende da ognuno di noi.






– Filomena Chiappardo –


 


 


 

























Comments are closed.