Ospedale Sapri,sospesa nel weekend reperibilità per le urgenze in Gastroenterologia.L’allarme della Uil "Decisione inaccettabile, si tratta di servizi essenziali per il territorio"



















Viene chiesta chiarezza sulla sospensione della reperibilità al reparto di Gastroenterologia dell’ospedaleSantissima Immacolata” di Sapri. Donato Salvato, segretario generale della Uil Fpl Salerno e Biagio Tomasco, segretario con delega alle Politiche Sanitarie della Uil Fpl Salerno hanno inviato una lettera al manager dell’Asl di Salerno Antonio Giordano.

“Siamo venuti a conoscenza del fatto che il direttore del reparto di Gastroenterologia dell’ospedale di Sapri – dichiarano Salvato e Tomasco – abbia disposto la sospensione delle pronte disponibilità per le urgenze endoscopiche fino alle 20 del 18 marzo. Quel che più colpisce è che tale determinazione non sia accompagnata da alcuna valida motivazione, ma soprattutto scopra un intero territorio, quello a sud della provincia di Salerno, che già vede la chiusura notturna della Gastroenterologia del presidio di Vallo della Lucania, e per la qual cosa espone la popolazione tutta a seri pericoli in ordine alle patologie trattate”.

Sconcertante è, secondo i sindacalisti, che la Direzione Sanitaria dell’ospedale di Sapri abbia avallato tale scelta organizzativa senza entrare nel merito della questione.






Di tutto questo – dicono chiediamo le motivazioni, ma ancor più irritante è che si consigli di comunicare tale sospensione anche al 118 e al Pronto soccorso di Vallo della Lucania. Tanto fa il paio con altri servizi di pronta disponibilità non garantiti nelle ore notturne in altri reparti ed in altri presidi, che dirottano tutto sull’ospedale di Vallo della Lucania. Si tratta di servizi essenziali al mantenimento dello stato di salute della popolazione a sud della provincia di Salerno, che andrebbero rivisitati in ordine alle reti tempo dipendenti insistenti sul territorio con consequenziale potenziamento delle stesse e non certamente sospese durante un week-end e senza fornire motivazione alcuna. Chiediamo risposte su tutto questo”.

– Claudia Monaco –

 

 

























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*