Morte della piccola Aurora Babino di Teggiano. Assolti tre medici accusati di omicidio colposo

































Sono stati assolti dal giudice del Tribunale di Lagonegro 3 medici degli 8 in servizio presso l’ospedale “Luigi Curto” di Polla finiti alla sbarra con l’accusa di omicidio colposo per la morte della piccola Aurora Babino, la bambina di 3 anni di Teggiano deceduta il ‎3 marzo del 2011 all’ospedale Santobono di Napoli dove era stata ricoverata in condizioni disperate dopo un doppio ricovero all’ospedale di Polla.

L’assoluzione per non aver commesso il fatto è giunta per il dottor Pasqualino Mazzeo e per la dottoressa Maria Gabriella Carbone. Il giudice, invece, ha deciso che il dottor Giancarlo Cimino non è punibile perchè il fatto costituisce colpa lieve (per quest’ultimo il pm aveva chiesto la condanna).

La legge Balduzzi, infatti, ha relegato nell’alveo dell’irrilevanza tutti i comportamenti che sono al di sotto della colpa grave (“Un sanitario che, nello svolgimento della propria attività, causa per imperizia la morte o la lesione personale del paziente, risponde dei reati di omicidio colposo e lesioni personali colpose solo in caso di colpa grave“).






Nel 2016 erano stati assolti, al termine del rito abbreviato, dal Gup del Tribunale di Lagonegro altri 4 medici accusati di omicidio colposo per la morte della piccola Aurora, i dottori Giovanni Ippolito, Antonio Filpo, Nelson Napolitano e Teodoro Stoduto. Mazzeo, Carbone  e Cimino avevano invece optato per il rito ordinario.

La famiglia della piccola Aurora è stata difesa dall’avvocato Camillo Celebrano che sottolinea:”E’ stata comunque affermata una responsabilità. Con la riforma la colpa lieve non è più punibile. Attendiamo le motivazioni“.

– Chiara Di Miele –


  • Articolo correlato:

6/11/2013 – Teggiano: bimba morta nel 2011, chiesto il rinvio a giudizio per 8 medici dell’ospedale di Polla

























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*