Matrimoni civili. Ad Eboli si celebreranno in spazi privati storici, culturali e stabilimenti balneari





































La Giunta Comunale di Eboli ha dato il via libera alla possibilità di celebrare matrimoni civili anche in spazi privati. Il voto dell’esecutivo è giunto su deliberazione redatta dal Responsabile dell’Ufficio Anagrafe, Damiano Bruno, che ha reso possibile in pochi giorni l’indirizzo della Giunta Cariello.

Dunque sarà possibile la celebrazione in luoghi storici, culturali, paesaggistici del territorio comunale, ma la novità vera e propria riguarda la possibilità che la Giunta ha inserito di celebrare matrimoni anche in stabilimenti balneari di Eboli. Il tutto consegue alla continua richiesta di disponibilità di spazi che molte coppie stanno avanzando al Comune, sempre più attratte dalla suggestione di luoghi e strutture storiche della città, ma anche di riferimenti turistici.

Abbiamo voluto dare seguito ad un trend che per la prima volta vede Eboli quale riferimento per tante giovani coppie, non solo per le sue chiese storiche, ma anche per le sue aree private organizzate – spiega il sindaco Massimo Cariello Abbiamo continue richieste di coppie che chiedono la celebrazione del matrimonio civile al di fuori dei locali comunali e questo indica una nuova attenzione per la città e per quanto oggi, finalmente, i suoi luoghi, le sue aree naturalistiche architettoniche, storiche e turistiche siano apprezzate. Abbiamo ricompreso anche gli stabilimenti balneari, seguendo un preciso indirizzo che ci arriva dalle richieste di celebrazione di matrimoni civili ed in questo modo garantiamo anche nuovi flussi turistici e di presenze sul nostro territorio”.







Dopo la deliberazione, su proposta del Dirigente comunale del settore Anagrafe, sarà a breve pubblicata una manifestazione d’interesse per quanti vorranno aderire alla possibilità, rientrando nelle categorie specificate, di ospitare la celebrazione di matrimoni civili.

– Chiara Di Miele –

 

































Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*