“Mancanza di idee e progetti”, il Comune di Viggiano lascia la Fondazione dell’Osservatorio Ambiente

































Il Comune di Viggiano esce dalla Fondazione dell’Osservatorio Ambiente della Regione di cui è socio fondatore.

La decisione è stata assunta dal sindaco Amedeo Cicala che, con una lettera inviata al Presidente della Fondazione, Giovanni Mussuto, ha annunciato, a nome dell’Amministrazione comunale, “l’interruzione dei rapporti progettuali in essere con l’organizzazione che monitora lo stato di salute dell’ambiente in tutta la regione”.

Il sindaco del comune valligiano precisa nella missiva inviata al Presidente della Fondazione, che l’interruzione del rapporto di collaborazione con l’Osservatorio è essenzialmente di carattere concertativo vista la scarsa partecipazione, anche decisionale, da parte della Fondazione e dei suoi vertici con l’amministrazione comunale che rappresenta e vista la scarsa incisività nel territorio, nonostante Viggiano sia uno dei comuni da tenere più sotto controllo da un punto di vista ambientale e della salute.






Cicala da diversi mesi lamentava poca partecipazione, poca programmazione, poca concertazione e poca condivisione: Voglio chiarezza su ambiente e salute, altrimenti non ha senso tenere queste grosse organizzazioni se poi non sono in grado, quando è il momento, di snocciolare neppure un dato” scrive il sindaco nella missiva.

Secondo quanto dichiarato ancora dal primo cittadino, il report del lavoro fatto dalla Fondazione non sarebbe mai arrivato e no ci sarebbe una presenza costante a Viggiano e neppure negli altri paesi della Val D’Agri.

– Claudia Monaco –





























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*