La storia di Michele Specchiale,il dj con una sola mano che ha scelto il Vallo di Diano per amore - VIDEO -















Se si pensa alla resilienza, quella capacità di molti di far fronte ai momenti difficili reagendo con positività, e si ascolta la storia di Michele Specchiale, 41enne siciliano trasferitosi nel Vallo di Diano per amore, sembra quasi possibile poter dare un altro senso agli ostacoli che si incontrano lungo il cammino della vita.

Forza, passione, affetto e positività sono le caratteristiche che emergono dal racconto di Michele. Giovanissimo perde il braccio a causa di un incidente con il trattore, ma non si dà per vinto e, partito da Grammichele, in provincia di Catania, raggiunge il Centro Protesi di Budrio per attendere una protesi bionica all’avanguardia. Lì il destino gli permette di incontrare anche quella che di lì a poco sarebbe diventata la donna della sua vita, Daniela, valdianese, in attesa delle protesi ad entrambe le gambe dopo essere stata investita da un’auto. Un amore a prima vista, un lungo fidanzamento a distanza, poi la decisione di vivere insieme nel Vallo di Diano, di comprare un terreno e costruirvi casa e, finalmente, di unirsi in matrimonio. Un’unione forte e speciale da cui sono nate due splendide bambine.

Michele, che nella vita è un programmatore di macchine a controllo numerico, in realtà fin da piccolo ha sempre coltivato una grande passione per la musica. Passando dal clarinetto alla tromba, che è possibile suonare con l’uso di una sola mano, non ha mai trascurato la voglia di fare il dj. In casa ha un vero e proprio studio di produzione professionale all’interno del quale Michele suona grazie alla sua mano bionica e si destreggia tra le numerose attrezzature sui cui ha investito tanto.





Per lui la mancanza di un braccio non rappresenta un handicap, ma un problema superabile. Proprio come ha fatto in questi anni, riuscendo a condurre una vita normale e ricca di soddisfazioni professionali e personali. Un messaggio positivo per quanti sono messi a dura prova dalla vita, ma anche per chi si ferma dinanzi ad effimere difficoltà.

Michele Specchiale ha raccontato la sua storia ai microfoni di Ondanews.

– Chiara Di Miele –

















Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*