La delegazione FAI di Salerno fa tappa a Polla alla scoperta delle sue bellezze artistiche





























E’ stata un successo la tappa nel corso del weekend a Polla e Pertosa da parte della delegazione FAI di Salerno. L’associazione Lilium di Polla ha permesso la visita dei vari siti culturali del paese grazie alla presenza di accompagnatori esperti del posto, toccando i punti cardine della romanità, le cappelle private della famiglia Palmieri, il Museo delle antiche vestiture pollesi e il Convento di Sant’Antonio, in cui gli ospiti sono stati accolti da Fra’ Mimmo Marcigliano che ha donato un’accurata illustrazione del luogo sacro.

L’accoglienza che ci avete riservato è stata davvero straordinaria. Le sorprendenti bellezze artistiche, culturali e paesaggistiche di Polla si arricchiscono dell’incredibile sentimento di ospitalità che tutti noi abbiamo potuto apprezzare in maniera cosí calorosa” ha commentato la delegazione FAI dopo l’intensa giornata. All’evento erano presenti il sindaco Rocco Giuliano e l’assessore comunale Maria Citarella.

Per noi è stato un piacere e un onore poter ospitare la Delegazione FAI – Fondo Ambiente Italiano di Salerno – fanno sapere gli organizzatori dell’associazione Lilium – un gruppo meraviglioso che ha seguito con attenzione tutto il percorso. Il Vallo di Diano, e in particolare Polla, ha molti tesori. Ne abbiamo conosciuto solo alcuni ma l’invito è stato fatto anche per conoscere altri meravigliosi luoghi, siamo sempre disponibili e siamo felici che sia stata apprezzata la passione che mettiamo in tutto questo. Grazie di cuore a tutto il gruppo FAI di Salerno per essere venuto così numeroso. Un grazie sincero a Michelangelo De Leo e Matilde Vitolo per l’organizzazione e soprattutto alla signora Susy per aver dato fiducia alle nostre parole e per essersi incuriosita a tal punto da dar vita a tutto questo. Infine grazie al Comune di Polla, dipendenti e amministratori, per essere sempre vicino alle nostre iniziative“.





– Chiara Di Miele –

 

 

 

 

 

 

 

























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*