La banconota ideata dal Liceo Artistico di Teggiano vince un concorso promosso dalla Banca d’Italia Gli studenti premiati nella sede della Banca d'Italia a Napoli





























Il Liceo Artistico di Teggiano vince la V edizione del Premio “Inventiamo una banconota”, promosso dalla Banca d’Italia.

Tra i 98 istituti partecipanti delle regioni Campania, Puglia e Basilicata, infatti, il Liceo Artistico diretto dal Preside Rocco Colombo ha ottenuto il primo posto, intascando il premio ammontante a 1000 euro.

La manifestazione, svoltasi presso la sede della Banca d’Italia a Napoli, ha visto presente una delegazione degli studenti di Teggiano, accompagnati dai docenti Fabio De Falco e Germano Torresi. La giuria interregionale, composta dal responsabile della sede di Napoli della Banca d’Italia Antonio Cinque, dal Direttore generale dell’Ufficio scolastico Regionale per la Campania Luisa Franzese, dal Direttore del quotidiano “Il Mattino” Alessandro Barbano, dal Presidente dell’Istituto Superiore per le Industrie Artistiche di Faenza Giovanna Cassese e da Maurizio Marinella, stilista e titolare dell’omonimo atelier famoso in tutto il mondo per la creazione di cravatte, ha deciso, all’unanimità, di conferire il prestigioso riconoscimento al Liceo Artistico di Teggiano “per l’originalità e la creatività con cui gli studenti hanno saputo rappresentare la valorizzazione del risparmio quale mezzo per costruire il proprio futuro, in una società caratterizzata da un consumo spesso superfluo e da scarsità di risorse”.







Il tema scelto quest’anno, infatti, era “Il risparmio avvicina il futuro: progettiamo la nostra vita”.

Nell’occasione, studenti e docenti del Liceo Artistico di Teggiano, oltre a ricevere una targa per ricordare l’evento, hanno avuto anche la possibilità di visitare lo stabilimento di produzione dell’euro.

– redazione –

 


  • Articolo correlato:

2/127/2017 – Banconota ideata dal Liceo Artistico di Teggiano inserita nel catalogo dei bozzetti della Banca d’Italia





























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*