L’11 maggio taglio del nastro del nuovo Centro Sociale Polifunzionale di Marina di Camerota

























Sono passati anni dalla posa del primo mattone, ora tocca aspettare solo qualche giorno e poi il Centro Sociale Polifunzionale di Marina di Camerota aprirà i battenti e verrà consegnato dal sindaco alla popolazione.

In questi mesi è stato effettuato il collaudo, sono state completate le opere, tutte le utenze sono state allacciate. L’attuale Amministrazione ha provveduto a stilare il regolamento per la gestione e lo stesso regolamento è stato approvato in Consiglio Comunale mentre dalla Regione Campania è stato emesso l’ultimo decreto di finanziamento di circa 600mila euro. La ditta ha consegnato le chiavi nelle mani del Sindaco che, insieme alla sua squadra, ha deciso di inaugurare il Palazzetto dello Sport venerdì 11 maggio a partire dalle ore 18.

La data non è stata scelta a caso: si tratta di un giorno importante che coincide con la vigilia di un evento internazionale come quello della Corsa del Mito. 






Nel programma è stato già inserito il talk show che vedrà protagonisti due grandi campioni del calcio. Si tratta di un ex difensore della Roma, Sebino Nela, e di un ex attaccante della Lazio, Vincenzo D’Amico. Questa volta Nela e D’Amico si toglieranno le casacche, quella giallorossa e quella biancoceleste, e si sfideranno a colpi di aneddoti e battute per raccontarsi di fronte a centinaia di giovani.

Grande soddisfazione espressa da parte dell’Amministrazione Comunale di Camerota: “E’ un giorno molto importante per il Comune di Camerota ma in generale per l’area Cilentana che abbraccia il nostro territorio. Questa è un’opera che servirà a tutti e vedrà crescere tantissimi ragazzi con i valori che solo lo sport e la sana competizione sanno trasmettere”.

Al Palazzetto manca l’intitolazione ma l’Amministrazione ha già un’idea: “Ora pensiamo a tagliare il nastro, subito dopo faremo partire un concorso di idee per capire quale nome attribuire a questa meravigliosa struttura“.

– Claudia Monaco –



























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*