Istituto Alberghiero interdetto a Sapri. La Dirigente Principe:”Necessaria una soluzione in breve tempo”





































L’anno scolastico è ripreso a pieno ritmo per gli studenti dell’Istituto Superiore “Carlo Pisacane” di Sapri ma non per gli alunni dell’indirizzo Professionale di Servizi Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera, il cui istituto è stato dichiarato momentaneamente inagibile.

Per tale motivo è stato predisposto il doppio turno delle lezioni, al fine di garantirne lo svolgimento.

Una situazione non sostenibile dove la Dirigente Franca Principe, il sindaco di Sapri Antonio Gentile e gli Enti provinciali preposti cercano una soluzione da attuarsi in breve tempo. Questa mattina si è tenuto un nuovo incontro dove il sindaco Gentile e la Dirigente Principe hanno cercato di tranquillizzare i genitori e gli alunni presenti garantendo una struttura dove alloggiare e svolgere le lezioni regolarmente.







Il primo cittadino ha fatto riferimento all’edificio di via Flavio Gioia dove sono presenti gli uffici del Centro per l’Impiego la cui disponibilità dovrà essere però concessa dalla Regione. Inoltre Gentile ha riportato ai presenti anche i risultati dell’incontro avuto nei giorni scorsi con i vertici della Provincia a proposito della situazione dell’istituto di via Pali, dove dovrebbero svolgersi le lezioni degli studenti dell’Alberghiero.

“La Provincia – ha dichiarato Gentile si è impegnata a risolvere i problemi strutturali dell’edificio nel più breve tempo possibile, provvedendo ad effettuare tutti i lavori necessari affinché la struttura sia perfettamente agibile”.

“È necessario consentire in breve l’esercizio del diritto allo studio – ha dichiarato la Dirigente Principe per tutti i ragazzi che giungono a Sapri da diciannove comuni diversi e che non possono affrontare il turno pomeridiano”.

– Maria Emilia Cobucci –

 


  • Articolo correlato:

11/09/2018 – Temporaneamente interdetto l’edificio che ospita l’Alberghiero a Sapri. Lezioni in località Cantina

































Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*