Inaugurato dalla Caritas a Tito un “Emporio della Solidarietà”. Beni gratuiti per le famiglie disagiate





































È stato inaugurato a Tito Scalo il primo “Emporio della Solidarietà”, un progetto della Caritas Diocesana di Potenza, Muro Lucano e Marsico Nuovo, realizzato all’interno del Centro Polifunzionale.

Si tratta di un market rivolto alle famiglie e persone che vivono in un temporaneo stato di difficoltà economica, che possono ricevere gratuitamente, per un periodo massimo di 12 mesi, i beni grazie ad una card punti.

Un segnale importante che si vuole dare a sostegno delle famiglie in difficoltà, una possibilità per superare i problemi. La struttura è stata inaugurata alla presenza del Vescovo S.E. Mons. Salvatore Ligorio, dei parroci, rappresentanti della Caritas e delle istituzioni, tra cui anche il sindaco di Tito Graziano Scavone. La struttura è stata realizzata grazie al fondo CEI (Conferenza Episcopale Italiana) dell’ 8 per Mille “I penultimi saranno i primi”, finanziato da Caritas Italiana. È stata intitolata a don Luigi Di Liegro, fondatore della Caritas Diocesana di Roma.







Per questo progetto sono importanti le collaborazioni dei Comuni e delle relative Parrocchie – è il commento di Marina Buoncristiano della Caritas – Le nuove povertà sono quelle di chi ha perso il lavoro, i separati, le ragazze madri e le famiglie monoreddito che non arrivano a fine mese e chi ha contratti precari. A loro ci rivolgiamo e speriamo di aiutarli a superare le difficoltà”.

Le famiglie che ricevono i beni sono seguite dalla Caritas con progetti personalizzati di accompagnamento. Il progetto prevede anche corsi di formazione, orientamento al lavoro e laboratori alimentari, con collaborazione dell’agenzia per il lavoro Tempor e l’Associazione Cuochi Potentini.

– Claudio Buono –

 































Un commento

  1. Giuseppe Molinari says:

    come posso usufruire di questa carta? sono disoccupato e capo famiglia con due bimbi ho un isee di 600 e cordiali saluti

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*