Immigrato aggredisce carabiniere a Padula. Lega:”Grave episodio che rende urgente il Decreto sicurezza”































A distanza di qualche ora dall’aggressione di un carabiniere avvenuta a Padula da parte di un extracomunitario, proveniente dalla Sierra Leone e ospite in un locale centro di accoglienza SPRAR arriva il commento della Lega Salerno.

“Il grave episodio di aggressione ai danni di un carabiniere da parte di un extracomunitario avvenuta nelle scorse ore a Padula – fanno sapere –  conferma la necessità e l’urgenza dell’entrata in vigore del cosiddetto ‘decreto sicurezza’ licenziato, su indicazione del Ministro dell’Interno Matteo Salvini, dal Consiglio dei Ministri”.

La Lega in particolare provvederà a chiedere alla Prefettura di conoscere i numeri e la distribuzione geografica dei centri di accoglienza sul territorio salernitano e le associazioni e gli enti gestori, di verificare la corrispondenza dei numeri di “ospiti” presenti all’interno di ognuno di essi con la normativa in vigore derivante dall’accordo Anci-Governo che fissa il limite massimo di 2,5 migranti per ogni mille abitanti, di conoscere in che numero a questi “ospiti” siano stati riconosciuti gli status di richiedenti asilo e rifugiati e quanti, di conseguenza, siano catalogabili nella categoria dei “migranti economici”.






Inoltre la Lega chiederà di conoscere l’iter relativo alla proroga del bando per il centro di accoglienza della città di Salerno.

Alla Questura – dichiarano ancora – chiediamo di sapere se ha avviato la verifica circa le presenze di extracomunitari negli appartamenti, in particolare, del centro storico del capoluogo, se risulta al vero l’indiscrezione secondo cui in alcuni casi le presenze supererebbero il numero delle persone massime per ogni abitazione locata”.

– Miriam Mangieri –


  • Articolo correlato:

25/09/2018 – Padula: dà in escandescenza nello Sprar e aggredisce un Carabiniere. Arrestato 31enne della Sierra Leone.





























Un commento

  1. Marcello Maria Perongini says:

    Grave episodio da trattare secondo gli strumenti già disponibili alle forze dell’ordine e della legalità, senza fare allarmismi elettorali senza senso. Pigliatevi na cosa.

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*