Il Vescovo Antonio De Luca in Mongolia per il progetto umanitario voluto dal Cardinale Crescenzio Sepe





































Il Cardinale Crescenzio Sepe, in qualità di Prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione dei Popoli, accompagnato anche dal Vescovo della Diocesi di Teggiano-Policastro Mons. Antonio De Luca, si è recato in Mongolia per la consacrazione della prima Cattedrale della Nazione e la consacrazione episcopale del primo vescovo originario delle Fillipine, Monsignor Wenceslao Padilla.

Appena arrivati in Mongolia le autorità locali, presso la Prefettura Apostolica di Ulaanbaatar, hanno illustrato le opere della Caritas. In questa occasione il Cardinale Arcivescovo ha firmato un accordo con il Prefetto Apostolico per manifestare l’impegno a finanziare un progetto agricolo, 100 serre per 100 famiglie.

Significativa è stata la visita ad alcune famiglie portando l’abbraccio e la carità. Una speciale commozione ha toccato la piccola comunità cattolica della Mongolia nella solenne concelebrazione eucaristica in Cattedrale alla quale ha preso parte anche il Cardinale cinese Zen.  La celebrazione è stata caratterizzata da canti usi e costumi tipici della liturgia orientale.




L’Arcivescovo Crescenzio Sepe e Monsignor Antonio De Luca hanno voluto incontrare le autorità religiose buddiste e gli operatori del dialogo interreligioso.

Un piccolo gruppo di missionari e missionarie provenienti da diverse nazioni hanno voluto esprimere la loro gioia in un momento di preghiera e di incontro ecclesiale.

Uno speciale invito a tutta la delegazione è stato rivolto per la Festa nazionale della Mongolia del giorno 11 luglio. La coreografia quasi olimpionica nello stadio principale della città ha evidenziato i tratti della storia ultramilleniaria del popolo mongolo.

L’evangelizzazione muove i primi passi tra notevoli difficoltà legate ad antiche tradizioni e rigorose norme di restrizioni che non sempre facilitano l’inserimento di muove espressioni di culto e di fede religiosa. Il numero dei battezzati cresce con un lento ma significativo progresso.

– Miriam Mangieri –





























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*