Il Consiglio regionale della Basilicata inaugura una panchina rossa contro la violenza sulle donne





























Il Presidente del Consiglio regionale della Basilicata Vito Santarsiero, questa mattina, insieme alla Presidente della Commissione Pari Opportunità Angela Blasi, ha inaugurato una simbolica panchina rossa negli spazi del parcheggio antistante il palazzo dell’Assemblea.

Un gesto simbolico per far sentire anche la voce della Regione sul tema della violenza sulle donne che quotidianamente viene riportato alla ribalta dalle cronache” è stato il primo commento di Santarsiero.

Un messaggio – ha poi aggiunto – che i Comuni d’Italia hanno voluto dare all’intero Paese sul tema della violenza contro le donne, una iniziativa che non a caso nasce nei Comuni, luoghi istituzionali più vicini alla gente e dove più forti sono le tensioni e le problematiche espresse dalla nostra società. Abbiamo voluto recuperare quel messaggio grazie anche alle sollecitazioni della Commissione Regionale Pari Opportunità. In  Basilicata già 80 Comuni hanno inaugurato la loro panchina e sicuramente lo faranno anche gli altri perché su questo tema si deve continuare a mantenere alta la tensione ed essere vicino a quanti svilupperanno e sviluppano azioni contro la violenza alle donne”.







“Il progetto panchina rossa – ha detto la presidente della Commissione Pari Opportunità Angela Blasivuole essere un monito contro la violenza sulle donne e in favore di una cultura di parità”.

Penso –ha concluso – che sia un gesto molto simbolico ed è importante averla all’interno del parcheggio del Consiglio proprio perché è il segno dell’impegno che l’Assemblea lucana vuole e vorrà mettere contro la violenza sulle donne ma soprattutto per evidenziare che la Regione Basilicata è e dovrà essere sempre  più a misura di tutti e di tutte”.

Alla iniziativa erano presenti anche il Vicepresidente Antonio Bochicchio e diversi Consiglieri regionali.

– Claudia Monaco –





























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*