Giovane operaio morto sul lavoro a Bella. Potere al Popolo! Basilicata:”Diciamo basta a questo sistema”





































La morte di Jimmy Kumar, 24enne operaio di origini indiane che ha perso la vita all’interno di un’azienda agricola a Bella, ha drammaticamente scosso la comunità lucana e i numerosi operai che prestano il proprio lavoro nelle attività della zona. In merito al tragico evento è intervenuto anche “Potere al Popolo! Basilicata” che esprime vicinanza e solidarietà ai compagni del giovane lavoratore.

Per esperienza diretta noi di Potere al Popolo! Basilicata (precari, disoccupati, pensionati e studenti) – affermano in una nota- sappiamo bene come il continuo ricatto della precarietà ci costringa a lavorare in silenzio, ad accettare la crescente pericolosità delle condizioni lavorative per la nostra salute, per la nostra stessa vita e conosciamo fin troppo bene cosa possa significare vivere con la paura della ribellione cucita addosso, con la speranza sempre più evanescente del rinnovo contrattuale a fine mese, ma sappiamo altrettanto bene che in Italia le morti sul lavoro non sono incidenti, non sono casualità!”.

260 sono i morti sul lavoro da gennaio a maggio, di cui almeno 6 lucani. “È una vera e propria strage, – continua la nota – silenziosa, pianificata, voluta da politiche che negli anni hanno smantellato lo Statuto dei Lavoratori, disinvestito negli organismi di controllo e tutela, innalzato oltre ogni limite concepibile l’età pensionabile e precarizzato i contratti, il tutto con l’effimera protesta dei sindacati corporativi, fino a giungere allo stato attuale: un mondo del lavoro nel quale i grandi e piccoli padroni hanno sempre più possibilità di sfuggire ai controlli, e quando pure vengono sorpresi nell’illegalità, il calcolo costi-benefici li porta a preferire il pagamento della multa alla regolarizzazione dei contratti e delle condizioni di sicurezza sul posto di lavoro“.





In caso di morte di un lavoratore – affermano – essi possono fare affidamento su un sistema legale e giudiziario che sovente non applica pene severe, come ci si aspetterebbe nel caso di un omicidio. Perché di omicidio si tratta, e non di casualità o incidente, perché non ci si ammala e non si muore sul lavoro per fatalità, ma perché così è orchestrato l’intero sistema. A questo sistema, noi di Potere al Popolo! Basilicata diciamo basta e contro questo sistema continueremo a lottare per maggiori controlli e tutele, per l’abolizione del Jobs Act e la riduzione dell’età pensionabile!”.

– Chiara Di Miele –


  • Articoli correlati:

21/8/2018 – Operaio indiano morto sul lavoro a Bella. La Procura di Potenza apre un’inchiesta

20/8/2018 – Tragedia sul lavoro a Bella. Operaio finisce in una vasca di liquami zootecnici e perde la vita





























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*