Farmacia 3.0 – Meno sale contro l’obesità infantile – a cura del dott. Alberto Di Muria



















obesita_infantile_2Occorre abituare i bambini a una dieta poco ricca di sale, perché questo alimento non solo alza la pressione ma favorisce anche lo sviluppo dell’obesità infantile.
Lo dimostra uno studio australiano condotto presso la Deakin University e pubblicato su Pediatrics. I ricercatori, osservando il comportamento di 4.283 bambini tra i 2 e i 16 anni, hanno visto che maggiore è il consumo di sale e più è alto quello di bibite zuccherate, succhi di frutta, acque aromatizzate ed energy drink. La predilezione per il gusto salato si accompagnerebbe, quindi, a comportamenti alimentari poco corretti, con un più elevato rischio di diventare obesi.
L’indagine mette in relazione l’eccessivo consumo di sale fin da piccoli con la nascita di abitudini alimentari scorrette e il rischio di sviluppare obesità. Un fenomeno ben conosciuto anche in Italia. Nel nostro Paese si contano, infatti, un milione di bambini in sovrappeso, di cui 400 mila obesi.
In funzione preventiva, è importante abituare i bambini a un’alimentazione equilibrata dalla prima infanzia, il che significa anche non eccedere con il sale per non favorire consuetudini dietetiche sbagliate. Nei primi anni è molto importante educare i bambini al gusto dei diversi cibi, limitando sia quelli troppo dolci sia quelli eccessivamente salati. E qui giocano un ruolo determinante i genitori che devono dare il buon esempio e prestare attenzione a ciò che portano in tavola.
L’importante è non abbondare con le porzioni, variare il menù e tener conto dell’apporto calorico di alimenti e bevande per assicurare ai bambini una dieta equilibrata, senza eccessi né carenze. Le bevande caloriche possono essere offerte eccezionalmente, basta che non diventino la regola e non si sostituiscano all’acqua. Lo stesso vale per i cibi dolci: non bisogna esagerare. 
La Società Italiana di Pediatria ha ribadito recentemente le indicazioni per prevenire sovrappeso e obesità nei bambini: il consiglio è di allattarli al seno fino ai sei mesi, non eccedere con le proteine nei primi ventiquattro. E ancora: bandire la tivù per i primi due anni, imporre un limite di un paio d’ore giornaliere successivamente e, dai cinque anni, assicurare loro almeno 60 minuti al giorno di attività fisica.

Bibliografia: www.corriere.it























Comments are closed.