Farmacia 3.0 – meglio i boxer per la fertilità maschile Rubrica a cura del dott. Alberto Di Muria





































Se si vuole far crescere il numero e la qualità degli spermatozoi, la scelta della biancheria intima è importante per la fertilità, secondo un nuovo studio dell’università di Harvard. I risultati dimostrano che gli uomini che scelgono indumenti intimi meno aderenti come i boxer hanno una concentrazione di spermatozoi medi più alti rispetto agli uomini che indossano spesso gli slip. Meglio quindi indossare i boxer larghi, se si vuole influire sulla qualità dello sperma. E’ quanto si legge in un articolo pubblicato sulla rivista Human Reproduction che cita una ricerca condotta dalla Harvard T.H. Chan School of Public Health.

Secondo la nuova ricerca di Harvard, infatti, gli uomini che indossano frequentemente boxer larghi hanno una concentrazione e un numero totale di spermatozoi significativamente più elevati rispetto agli uomini che preferiscono biancheria aderente come gli slip.

I ricercatori hanno raccolto campioni di sperma e preferenze per boxer e slip da 656 uomini di età compresa tra 32 e 39 anni. Tra i partecipanti allo studio, il 53% ha riferito di utilizzare in prevalenza i boxer. Per questi uomini si è registrata una concentrazione di spermatozoi superiore del 25%, rispetto agli uomini che indossavano prevalentemente biancheria intima più aderente, e un numero totale di spermatozoi del 17% più alto. Gli uomini che preferiscono indossare i boxer si distinguono anche per una percentuale più alta di “spermatozoi mobili”, ossia quegli spermatozoi che sono più abili a muoversi attraverso il sistema riproduttivo femminile e a fecondare un ovulo, secondo lo studio di Harvard.





Oltre a fornire ulteriori prove che le scelte di biancheria intima possono avere un impatto sulla fertilità, il nostro studio fornisce prove, per la prima volta, che una scelta di stile di vita apparentemente casuale potrebbe avere profondi effetti sulla produzione di ormoni negli uomini sia a livello del testicolo che del cervello,” ha sottolineato Jorge Chavarro, uno degli autori dello studio e professore associato di nutrizione ed epidemiologia ad Harvard.

Attenzione, quindi, d’ora in avanti alle scelte di acquisto della biancheria intima. Non conta solo essere sexy e comodi, ma anche pensare alla fertilità.

Bibliografia: www.repubblica.it – www.blitzquotidiano.it – www.affaritaliani.it – www.meteoweb.eu 


   Farmacia 3.0 – Rubrica a cura del dott. Alberto Di Muria

 





























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*