Emozioni e grande partecipazione alla serata conclusiva del Premio Inula a Camerota





























La serata conclusiva del Premio artistico letterario Inula, organizzato dall’associazione Tuttinsieme di Marina di Camerota, è stata inaugurata dall’esibizione di Paola Tortora, figlia del compianto Maurizio Tortora, medico innamorato follemente del Cilento. Momenti di commozione e di incanto hanno abbracciato la performance dell’artista cilentana. Ne è seguito l’abbraccio con l’avvocato Marco Sansone, amico di Maurizio e conduttore della prima parte del Premio Inula.

Abbiamo chiesto a Paola Tortora di ricordarci del dottore Maurizio Tortora a cui abbiamo voluto dedicare la terza edizione del Premio Inula – ha affermato l’avvocato Sansone -. Il dottore Tortora è stato un’autorità delle due edizioni precedenti. E’ stato uno dei giurati ma soprattutto quel luminare che ci deliziava delle sue opere risplendendo il dialetto del Cilento, narrandoci le sue poesie, parlandoci delle memorie dall’alto della sua saggezza“.

Si è passati subito alla presentazione del libro di Pietro Speranza, “Mare in tempesta”. Parole di grande spessore etico e morale sono state spese da don Gianni Citro, parroco di Marina di Camerota, ideatore e organizzatore del Meeting del Mare e presidente di giuria del Premio Inula.





Quest’anno al Premio hanno partecipato 130 artisti con altrettante opere che sono pervenute da ogni parte d’Italia e anche dalla Croazia e dalla Francia. Soddisfatta la presidente dell’associazione Tuttinsieme, Giovanna Attanasio, che ha accolto sul palco il sindaco di Camerota, Mario Salvatore Scarpitta, nonché presidente onorario dell’associazione Tuttinsieme, Teresa Esposito, assessore alla Cultura, e Manfredo D’Alessandro, consigliere delegato allo Spettacolo.

Il terzo posto nella sezione poesia è andato a Vincenzo Lamanna, che vive nel Cilento, a pochi chilometri da Marina di Camerota e ha partecipato con l’opera “Ayel… bussa la marea al mio sopito cuore”. Secondo posto nella sezione poesia a Pietro Tafuro con “Lupi di mare”. Tafuro arriva da San Pancrazio Salentino in provincia di Brindisi ed è stato premiato dal consigliere D’Alessandro. Primo posto nella sezione poesia a Rita Muscardin con “Adriatico mare”.

Terzo posto nella sezione narrativa a Mario Malgieri con l’opera “Il Viaggio di Enrico”, secondo posto ad Enrico Gandolfini con l’opera “Il nuotatore” e medaglia d’oro a Sara Galeotti con l’opera “A Voce Nuda”.

A margine della manifestazione l’associazione Tuttinsieme ha premiato e ringraziato la giuria per il grande lavoro svolto negli ultimi mesi e ha annunciato tante novità per la quarta edizione del Premio Inula.

– Chiara Di Miele –

























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*