Domani il Comune di Sant’Arsenio ricorda l’illustre figura del compianto Padre Angelico Spinillo





















Domani, venerdì 1° giugno a Sant’Arsenio, presso l’Auditorium “G. Amabile” si terrà una cerimonia in ricordo di Padre Angelico Spinillo, religioso domenicano, pittore, giornalista e critico d’arte.

Giovanissimo, si trasferì a Firenze per essere accolto nell’ordine domenicano, terminati gli studi classici a San Miniato e a San Domenico di Fiesole e dopo aver frequentato il corso di filosofia e teologia, fu ordinato sacerdote.

Incline alle arti figurative, si cimentò fin da subito con le grandi tavole e con l’affresco murale, tanto da divenirne esperto. Per questa sua inclinazione e per l’indissolubile legame alla sua missione apostolica, egli volle assumere il nome di Angelico.







Il suo riferimento al Beato Angelico è stato estremamente personale: infatti, la sua vita da domenicano la trascorse quasi per intero nel Convento di San Marco a Firenze, vivendo nei luoghi dove visse ed operò fra’ Giovanni da Fiesole. Discepolo di Baccio Maria Bacci, Angelico ha preferito essere un paesaggista. È stato, oltre che pittore, anche giornalista e critico d’arte de “L’Avvenire”, collaboratore dell’Istituto Geografico Militare, Presidente della Società delle Belle Arti e fondatore del Centro Culturale di Arte Moderna.

L’iniziativa di venerdi 1° giugno, prevede anche l’intitolazione di una via al compianto Padre Angelico.

Interverranno, tra gli altri, il sindaco di Sant’Arsenio, Donato Pica, il Presidente dell’Associazione “Luigi Pica”, Aldo Rescinito e a nome dei familiari Gabriella Salvia. Relazionerà, l’architetto Enrico Coiro. Le conclusioni sono affidate al Vescovo della Diocesi di Aversa, S.E. Mons. Angelo Spinillo.

L’appuntamento è alle ore 18.

– Claudia Monaco –



















Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*