Una delegazione del Principato di Monaco in visita a Campagna per i 500 anni della Città Il primo cittadino accoglie l'Ambasciatore e il Console Onorario del Principe della famiglia Grimaldi di Monaco



















Hanno visitato la città di Campagna, ripercorrendo i luoghi e i monumenti storici appartenuti alla famiglia dei principi  Grimaldi di Monaco, l’ambasciatore Robert Fillon, il console onorario Mariano Bruno e un gruppo di storici e amministratori della famiglia Reale dei Monaco, giunti ieri pomeriggio a Campagna.

Un legame quello dei Reali di Monaco con Campagna che si è rinnovato in occasione dei 500 anni di elevazione di Campagna al titolo di Città. Una ricorrenza quella di “Campagna 500” che vede numerose iniziative e convegni che si svolgeranno in città per tutto il 2018 con la partecipazione di Enti, scuole, famiglie ed associazioni.

Durante la visita della delegazione monegasca a Campagna, il sindaco Roberto Monaco insieme alle associazioni del territorio, ha consegnato dei doni alla delegazione, tra cui libri, targhe e olio extravergine di oliva, salutandola sulle note dell’inno di Mameli suonato dai ragazzi del liceo musicale.






Storicamente Campagna fu feudo della famiglia Grimaldi di Monaco che ne acquisì il titolo nobiliare. Durante il regno dei Grimaldi infatti, la città divenne sede della Diocesi e capitale feudale.

“Questo evento segna il legame indissolubile che ci lega ai Principi Grimaldi di Monaco”- ha spiegato il sindaco Roberto Monaco.

Un traguardo significativo per Campagna che nelle prossime settimane vedrà l’alternarsi di manifestazioni e celebrazioni da “Campagna Antiqua e medievale” a “Campagna Aurea, il secolo d’oro” con le  varie fasi che ripercorreranno la storia dell’antico borgo cittadino.

“Sono numerose le iniziative per i 500 anni della città e vanno dalle sfilate in abiti d’epoca ai convegni-ha spiegato il sindaco. – Questi eventi fanno rivivere la storia, l’orgoglio e attualizzano l’identità della nostra città  e dei suoi abitanti”.

Mariateresa Conte 

  























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*