Controlli pasquali nei ristoranti cilentani. Scoperti 20 lavoratori in nero, sanzioni per 65mila euro Denunciate 6 persone per possesso di droga ed altre 6 per guida in stato di ebbrezza





























Durante il weekend pasquale i Carabinieri della Compagnia di Vallo della Lucania, diretti dal Capitano Mennato Malgieri, hanno effettuato un servizio coordinato sul territorio teso a reprimere il traffico di sostanze stupefacenti, le violazioni più gravi al Codice della Strada, nonché servizi per il controllo dello sfruttamento del lavoro e dell’occupazione illegale di lavoratori.

Il servizio, che si è esteso su Vallo della Lucania, Ascea, Pisciotta, Casal Velino ed altre zone interne, ha visto coinvolti più di 50 uomini dell’Arma insieme al Nucleo Cinofili di Sarno e al Nucleo Ispettorato del Lavoro di Salerno.

Complessivamente sono state esaminate 26 posizioni lavorative di cui 20 in totale carenza assicurativa e sono state contestate sanzioni amministrative per un importo pari ad 65.000 euro. Numerose le attività di ristorante-pizzeria controllate e che successivamente non sono risultate in regola facendo scattare maxi sanzioni per lavoro nero.





Per quanto riguarda invece il contrasto al traffico di sostanze stupefacenti, i controlli effettuati lungo le arterie di collegamento ai principali luoghi di ritrovo dei ragazzi hanno permesso di denunciare 6 persone alla competente Autorità Giudiziaria e segnalare altri 25 giovani di età compresa tra i 18 e  i 35 anni per detenzione di sostanze stupefacenti per uso personale. Tante piccole dosi che hanno permesso di recuperare oltre 200 grammi tra cocaina, hashish e marijuana.

Sono inoltre state denunciate altre 6 persone perché alla guida in evidente stato di alterazione psicofisica dovuto all’assunzione di alcol e sono state ritirate altrettante patenti di guida.

Positivo, dunque, il bilancio dell’azione dei Carabinieri del Capitano Malgieri che ha consentito di controllare oltre 300 veicoli.

– Chiara Di Miele –

 



























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*