Consorzio di bonifica di Paestum. La Regione non riconferma l’incarico al commissario Biagio Franza



























La Regione Campania non riconferma l’incarico al commissario del Consorzio di bonifica di Paestum, Biagio Franza, professionista di Sala Consilina. A prendere il suo posto pare sarà Tonino Pagano, già dirigente della Margherita e del Pd salernitano.

Nel corso del suo mandato il commissario Franza ha provveduto a risanare i conti e alla revisione dei conti di gestione, rinvenendo numerosi atti contabili sospetti. Lo stesso ha poi recuperato oltre un milione di euro prevedendo degli attacchi diretti delle forniture idriche e affidando le pratiche morose ad una società di riscossione esterna.

Numerose altre opere sono state compiute dall’ex commissario, infatti ha provveduto a revocare pensioni d’oro, a sradicare forniture sconvenienti e a stabilizzare 15 stagionali garantendo una maggiore operatività e risparmi di spesa all’ente.







Dopo aver ricoperto la carica di dirigente del Genio Civile e quella di commissario straordinario nel settembre del 2016, gli erano state concesse due proroghe di due mesi ciascuna attribuendogli il compito di redigere il Piano di classifica e indire nuove elezioni.

Numerosi esponenti politici hanno espresso il proprio sostegno a Biagio Franza, tra cui i sindaci di Albanella e di Capaccio Paestum, i quali hanno chiesto al Presidente De Luca di lasciarlo al suo posto.

– Miriam Mangieri –



























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*