Il Consiglio Comunale di Polla istituisce il Registro per il Testamento Biologico Tra i punti discussi anche gestione dei rifiuti e Poste Italiane























Oggi pomeriggio a Polla, presso la sala polivalente del Comune, si è riunito il Consiglio comunale.

Al centro della seduta di consesso civico, l’approvazione del Regolamento del Registro per la raccolta delle Dichiarazioni anticipate di volontà dei trattamenti sanitari e di fine vita, il cosiddetto Testamento biologico , l’approvazione del Piano finanziario per la determinazione dei costi del servizio di gestione dei rifiuti urbani e il progetto di recapito a giorni alterni dei Centri di Distribuzione Poste Italiane Spa con sede a Polla e Contursi Terme.

Anche Polla ha così deciso di istituire il Registro per il Testamento Biologico, in particolare il Presidente del Consiglio comunale, Maria Teresa Pascale, che ha spiegato le modalità per effettuare le dichiarazioni di volontà dei trattamenti di fine vita.





“Io – ha dichiarato – in prima persona, farò la dichiarazione anticipata. Non vorrei essere intubata per consentire di allungarmi la vita”.

“Rispetto la vostra scelta ma sicuramente non sarà praticabileha contestato il consigliere di minoranza Fortunato D’Arista – non concordo le modalità di esecuzione di tali dichiarazioni”.

Sui costi  di gestione dei rifiuti, invece, positivo il sindaco Giuliano:“Il nuovo regolamento per la gestione dei rifiuti consentirà di ridurre ancora i costi e porterà ad un servizio più efficiente – ha dichiarato – bisogna contrastare l’abbandono di rifiuti e per questo saranno installate delle telecamere nei punti critici.

Il Consiglio ha, infine, approvato una delibera, che sarà rimessa al Prefetto, per contrastare il provvedimento di Poste italiane che prevede la consegna a giorni alterni.

“Dobbiamo usare ogni mezzo – ha affermato il vicesindaco Loviso – per contrastare il provvedimento convocando una conferenza stampa o intraprendendo azioni legali”.

“La conferenza stampa non coinvolge tutto il territorio – ha replicato D’Arista – ma resta limitata solo a Polla”.

– Miriam Mangieri –

























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*