Comune Unico Vallo di Diano. L’appello di Castiello e Cammarano: “Per M5S è un’opportunità”



























 

Torna a far discutere la proposta per l’istituzione del Comune Città Vallo di Diano.

In merito, sono intervenuti il Senatore del Movimento Cinque Stelle Francesco Castiello e il Consigliere regionale Michele Cammarano con una richiesta indirizzata al Presidente della Giunta regionale Rosa D’Amelio.






“Non possiamo più tollerare ritardi – dichiarano Castiello e Cammarano – deve assolutamente essere calendarizzata il prima possibile e portata all’attenzione dell’aula del Consiglio regionale la proposta di legge per l’istituzione di un Comune Unico del Vallo di Diano. Un’iniziativa che affonda le radici nel 1999, proposta e rinnovata nel 2013, per tre volte all’ordine del giorno di altrettante sedute nell’anno successivo, ma mai discussa. Il 2 marzo di un anno fa la Prima Commissione, con parere favorevole, ha dato il via libera. Eppure ad oggi, a oltre un anno dall’ammissibilità deliberata in Commissione, la proposta non è stata ancora portata al centro di una discussione in Consiglio”.

“Il Movimento 5 Stelle – continuano – è a favore della fusione di comuni ma solo nella misura in cui la popolazione possa esprimersi direttamente con specifico referendum e solo quando non ci sia una prevaricazione di un gruppo di comuni su un altro. A queste condizioni faremo ogni sforzo per superare le inefficienze di una Regione sorda alle periferie del territorio. La rappresentanza deve tornare ai cittadini”.

“E’ un’iniziativa di fondamentale importanza – concludono – per il territorio del Vallo di Diano. Lo Stato, infatti, finanzia le unioni di più Comuni con 30 milioni di euro a fondo perduto, spalmati in cinque anni. Lugano, intraprendendo questa strada, è diventata una capitale europea. Un’opportunità da non sprecare assolutamente”.

– Claudia Monaco –



























6 Commenti

  1. E’ da 30 anni che sento parlare di questa cosa,ma rimarrà sempre un sogno..

  2. poca dimestichezza con l’europa? ricitivi la crona!

  3. Salvatore Gasparro says:

    Come più volte ribadito, la proposta di legge giacente in Regione (quattro articoli) è priva di qualsiasi contenuto, priva di qualsiasi studio di fattibilità e mancante di qualsiasi studio economico sociale, priva di un qualsivoglia progetto. UNA TOTALE INCOGNITA. Visto che il M5St sembrerebbe aver abbracciato tale “causa”, gradire che vengano resi pubblici progetti e studi con dati alla mano dei vantaggi derivanti per il Vallo di Diano tali da giustificare questa presa di posizione del Movimneto.

  4. una curiosità,ma lugano non è in svizzera?

  5. auleta francesco says:

    Ecco, appunto: mancava la Lugano del Vallo di Diano!
    Questi signori, come altri, non sanno di cosa parlare e parlano di aria fritta.

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*