Il Comune di Buccino sfora il Patto di stabilità. Sanzione da 87mila euro Il sindaco Parisi:"Il Patto di stabilità è una mannaia per i Comuni"































Ammonta a 87mila e 155 euro la sanzione che il Comune di Buccino dovrà pagare allo Stato per aver sforato il Patto di stabilità del 2013, riferito al bilancio dell’anno 2012. La notizia è giunta dal dipartimento per gli affari interni e territoriali del Ministero dell’Interno al quale l’Ente volceiano dovrà pagare gli 87mila euro.

Dagli accertamenti degli uffici della direzione centrale della Finanza Locale del Ministero infatti, sono solo tre i Comuni italiani ad aver ricevuto le sanzioni per il mancato rispetto del patto di stabilità: il Comune di Briatico in provincia di Vibo Valentia, il Comune di Pico in provincia di Frosinone e il Comune di Buccino.

Una sanzione che comporterà la riduzione delle risorse spettanti per l’anno 2018 e destinate al titolo di “fondo di solidarietà comunale”.





Stiamo ragionando con il Ministero per recuperare la cifra– spiega il sindaco di Buccino, Nicola Parisi, rieletto con il Pd solo a maggio 2012, succedendo all’ex sindaco Pasquale Via – Si tratta una sanzione determinata dallo sforamento del patto che fa riferimento agli impegni di spesa che riguardavano i servizi pubblici essenziali che il Comune ha dovuto erogare ai cittadini. Il Patto di stabilità è una mannaia per i Comuni. Per esempio, se si prevede 100 e nel frattempo ci sono spese essenziali e non programmate per 150 come il guasto dei riscaldamenti in una scuola, nessun Comune si può sottrarre dal sostenere tali costi di riparazione. Siamo fiduciosi però, perché sulla sanzione stiamo ragionando con il Ministero”.

– Mariateresa Conte 





























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*