Clinica degli orrori a Venosa. Un 17enne di S.Arsenio e un 27enne di Vietri di Potenza tra i maltrattati Le indagini dei Carabinieri del Nas di Potenza hanno portato ad 8 arresti tra assistenti ed educatori



















C’erano anche un paziente del Vallo di Diano e uno del Melandro, precisamente un 17enne di Sant’Arsenio e un 27enne nato a Polla ma residente a Vietri di Potenza, tra ricoverati nella struttura riabilitativa dei “Padri Trinitari” che era diventata una vera e propria clinica degli orrori a Venosa, in provincia di Potenza, finita al centro di un’indagine che ieri mattina è culminata con un’ordinanza di applicazione di misure cautelari per 15 persone da parte dei Carabinieri del Nas di Potenza.

Una denuncia fatta dalla madre di un disabile, che più volte aveva notato sul corpo del figlio lividi e graffi, ha dato il via alle indagini dei militari dell’Arma, condotte con l’ausilio di intercettazioni audio, video e telefoniche, ispezione sui luoghi, acquisizione di documentazione sanitaria, consulenze tecniche e anche con l’escussione dei parenti dei pazienti. Le riprese delle telecamere nascoste hanno consentito di svelare maltrattamenti che consistevano in percosse come calci, pugni, schiaffi e trascinamenti a terra, anche per spostare i pazienti dal corridoio alle stanze. Dall’esame di 22 cartelle cliniche sequestrate gli investigatori hanno riscontrato che il trasferimento al Pronto Soccorso di alcuni pazienti, per ferite e traumi cranici, non erano stati riportati.

Come si legge sul quotidiano “La Città di Salerno” in un articolo a firma del giornalista Salvatore De Napoli, il 17enne di Sant’Arsenio sarebbe stato colpito con uno schiaffo e costretto ad entrare nella sala tv della struttura con la forza, mentre pochi giorni dopo, nella stessa stanza, sarebbe stato preso per un braccio e trascinato a terra fino ad essere spogliato dei suoi vestiti. Il 27enne di Vietri di Potenza, invece, sarebbe stato messo con la faccia contro il muro e, dopo essere caduto a terra, sarebbe stato trascinato nella sala giochi per essere poi rinchiuso. Le orribili scene si consumavano tra le urla dei pazienti umiliati e maltrattati.






Le persone arrestate dai Carabinieri sono 8 e sono state tutte poste agli arresti domiciliari su disposizione della Procura della Repubblica di Potenza. Le misure cautelari riguardano inoltre 5 divieti di dimora e 2 di interdizione dalla professione medica. Ai domiciliari sono finiti Giovanni Adorno (assistente ai disabili), Vincenzo Briscese (educatore), Filippo D’Argenzio (educatore), Sergio Di Tria (educatore), Rocco Divietri (educatore), Bartolomeo Genosa, Salvatore Marilli e Michele Mollica(assistenti ai disabili). Divieto di dimora nel Comune di Venosa nei confronti di Sebastiano Paradiso (educatore), Michele Pugliese (educatore), Donato Santoliquido (educatore) e Gerardo Antonio Pepe (coordinatore degli educatori e degli assistenti disabili). Divieti di dimora nei Comuni di Venosa e Bernalda nei confronti di Angelo Cipollone (Padre Angelo dei Padri Trinitari), direttore e legale rappresentante dell’Istituto Medico Psico-Socio Pedagogico “Ada Ceschin Pilone”. Sospensione ed interdizione dalla professione nei confronti di Michele Germano (neuropsichiatra infantile) e Francesco Mango (medico chirurgo specializzato in psicologia clinica, dipendente dell’Istituto Medico Psico-Socio Pedagogico).

– Chiara Di Miele –


 























4 Commenti

  1. Bastardi tutti , è facile prendersela con i più deboli . Perchè non ci provano con i
    loro pari! Non ne sono capaci? Codardi!!! Mi ribolle il sangue al solo pensiero ….
    è facile anche tenerli ai domiciliari ma dovrebbero essere ripagati con la stessa moneta , anzi qualcosina in più, magari fargli pure pulire i bagni pubblici con la lingua invece dello straccio…. perdonate questa mia cattiveria ,ma quando sento
    queste cose vado letteralmente in bestia. A pensare che affidiamo i nostri cari ai cosiddetti professionisti ,invece li mandiamo in mezzo ai leoni ,anzi i leoni
    hanno più umanità

  2. Trattati senza cuore questa povera gente. Gli educatori vanno licenziati e condannati.VERGOGNATEVI.

  3. Disguto! In che società malata viviamo! Le pesrone che dovrebbero proteggere i più deboli invece li maltrattano…spero che li mettono in galera a vita…anche spero che hanno una coscienza – ne dubito- e la loro coscienza li tormenti a vita… e sopratutto vengono emarginati dal resto della società.

  4. Perché li chiamate educatori? Di educato non hanno niente. A questo lavoro nobile ci devono arrivare per meritocrazia e non per raccomandazione. Bisogna mettersi nella pelle del malato! ” e se fossimo noi al loro posto” ?? Spero che nessuno li perdona , chiesa compresa.

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*