Cilentana muore dopo un’odissea tra ospedali. Cirielli:”Ministro Lorenzin faccia luce sull’episodio” "Da mesi l'ospedale di Vallo della Lucania è in fase di smantellamento per una volontà politica"





























Dopo la tragica odissea da un ospedale all’altro che si è conclusa con la morte di Barbara Di Matteo, una 50enne di Omignano che, inizialmente soccorsa presso l’ospedale “San Luca” di Vallo della Lucania, è stata poi trasferita per un guasto alla Tac, interviene sul caso il deputato salernitano Edmondo Cirielli che annuncia un’interrogazione parlamentare al ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

Il ministro – dichiara Cirielli – ha il dovere di accertare eventuali responsabilità politiche da parte della Regione Campania sulla morte di Barbara Di Matteo, ricoverata in gravi condizioni all’ospedale San Luca di Vallo della Lucania ma deceduta durante il tragitto da Salerno e Napoli perché nel nosocomio cilentano la tac non funziona da giorni“.

Secondo Cirielli si tratterebbe di un “episodio di malasanità targato De Luca. Da mesi l’ospedale di Vallo della Lucania, per una chiara volontà politica, è in fase di smantellamento mentre l’ospedale di Agropoli, nonostante i proclami dell’ex sindaco Franco Alfieri e del governatore Vincenzo De Luca, commissario alla Sanità in Campania, resta chiuso”.







La morte di Barbara Di Matteo, che ha lasciato l’amaro in bocca a molti, secondo il parlamentare “non può essere archiviata come tragica fatalità, perchè i cilentani, mentre il servizio pubblico è carente, sono costretti ad assistere al rilascio di nuove convenzioni da parte della Regione Campania a strutture private. Convenzioni stranamente elargite recentemente e proprio in concorrenza col servizio pubblico. Con l’interrogazione chiederò al Ministro di far luce sull’ennesimo caso di malasanità in Campania. Mentre una volta al Governo chiederemo al nuovo Ministro della Salute un’ispezione  per verificare la legittimità dell’operato della Regione Campania sul rilascio delle convenzioni ai privati”.

– Chiara Di Miele –


  • Articolo correlato:

18/1/2018 – Tragica odissea per una 50enne cilentana. Tac del “San Luca” guasta, muore durante il trasferimento





























Un commento

  1. Le ispezioni vanno fatte prima che succedano certe disgrazie va verificato l’organizzazione e i mezzi a disposizione decisi da direttore generale direttore sanitario del primario

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*