Chiedono denaro per non divulgare immagini intime di un dirigente pubblico.Arrestati 2 coniugi potentini































Due coniugi potentini, lei 36enne e lui 41enne, sono stati arrestati dagli agenti della Squadra Mobile di Potenza in flagranza di reato, per un’estorsione nei confronti di un dirigente pubblico.

I due arresti, giunti a conclusione di un’attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Potenza, avviata lo scorso ottobre, sono stati effettuati da alcuni agenti in borghese dopo la consegna, questa mattina, di 500 euro da parte del dirigente pubblico al 41enne. Alla base dell’estorsione ci sarebbero delle immagini in atteggiamenti intimi del dirigente pubblico. Immagini che la coppia si vantava di avere in possesso, tanto da chiedere, secondo le indagini, dall’estate ad oggi circa 3mila euro.

La minaccia era quella che, in caso di mancata corresponsione delle somme, le immagini sarebbero state divulgate. Ad ammettere di essere vittima del ricatto è stato lo stesso dirigente pubblico.





Il 41enne, già sottoposto alla sorveglianza speciale, è stato bloccato dagli agenti, trovato ancora in possesso della somma. Mentre, a seguito di una perquisizione domiciliare, gli agenti hanno rinvenuto e sequestrato il cellulare con il quale veniva ricattata la vittima, oltre alla somma di 9mila euro in contanti, ritenuta provento di attività illecita.

Le indagini sono state portate avanti anche mediante intercettazioni. Anche alcuni sms inviati dai due al dirigente facevano riferimento alle richieste estorsive. Durante le indagini gli investigatori hanno documentato anche alcuni incontri tra le parti.

L’uomo è già noto alla giustizia per reati in materia di armi, stupefacenti e reati contro il patrimonio e la persona. I due coniugi sono stati trasferiti presso la Casa Circondariale di Potenza, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Claudio Buono –





























Un commento

  1. queste sono le notizie che ci piace leggere,un plauso alle autorità competenti

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*