Campagna: visita di Stato del Principe Alberto II di Monaco nel feudo grimaldino “Sono emozionato nel ripercorrere i luoghi dei miei antenati”





































 

Una città addobbata a festa e gremita di cittadini, istituzioni, giornalisti e curiosi, ha accolto ieri pomeriggio a Campagna l’arrivo del Principe Alberto II di Monaco giunto nel salernitano, in veste di capo dello Stato.

Ad accogliere il Principe c’erano tra gli altri, il sindaco di Campagna, Roberto Monaco, i sindaci del comprensorio, la Protezione Civile, la Polizia Municipale, i Carabinieri diretti dal Maresciallo Angelo Solimene, il Prefetto di Salerno Salvatore Malfi e l’associazione nazionale della Polizia di Stato.







Una cerimonia importante per la città di Campagna dunque, che è stata il feudo dei Monaco per ben 109 anni e che quest’anno festeggia i 500 anni di elevazione al titolo di città. Oltre a rafforzare i legami di amicizia con i Monaco, la presenza del Principe che ha sancito ufficialmente l’inserimento della città di Campagna tra i 110 siti storici dei Principi Grimaldi.

La visita Reale che si è svolta in una città blindatissima, ha visto il Principe Alberto II ripercorrere, insieme allo storico campagnese e delegato alla cultura dei Grimaldi Maurizio Ulino, i luoghi e visitare i monumenti e i palazzi edificati e appartenuti ai Grimaldi  che ancora oggi portano i segni dei fasti dell’amministrazione monegasca.

Sono molto legato alla città di Campagna e sono emozionato nel ripercorrere i luoghi appartenuti ai miei antenati” ha spiegato il principe  in una gremitissima aula consiliare dove è avvenuto lo scambio dei doni con il sindaco.

L’augurio è che il nome del Principato sia per voi una garanzia di benessere per la popolazione. Desidero che questo legame con Campagna si rinnovi anche a Monaco” ha concluso il Principe, invitando il sindaco di Campagna, a presenziare alla cerimonia degli incontri dei siti storici dei Grimaldi che si terrà il prossimo anno a Monaco.

– Mariateresa Conte 

   

































Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*