A Camerota il progetto per valorizzare i luoghi turistici curato dal Politecnico di Milano





























Una freccia marrone per indicare una chiesa, un totem in piazza per illustrare dove si trova chi lo consulta e quanto distano i luoghi di interesse artistico/culturale più vicini, una tabella verde per il percorso di trekking che costeggia l’Area Marina Protetta: è questo il brand personalizzato e dedicato solo ed esclusivamente al Comune di Camerota.

Il tutto è racchiuso all’interno di un progetto per l’identificazione, la valorizzazione, la tutela d’integrità territoriale, economica e sociale che sarà illustrato domani, sabato 17 febbraio, alle ore 11, presso l’Aula Consiliare del Comune di Camerota.

Al tavolo di lavoro sono invitati i titolari di strutture ricettive, gli esperti conoscitori del Comune di Camerota (sia dal punto di vista territoriale ma anche storico e gastronomico) e tutte le persone che in qualche modo vogliono contribuire con una idea o un accorgimento. A proporlo è la Scuola del Design del Politecnico di Milano.





“Per sviluppare questo progetto – fanno sapere i tecnici che prenderanno parte all’incontro – sarà determinante la coesione territoriale e di sviluppo progettuale su base sovra-comunale nei campi ricettivi, dell’offerta turistica e in quello fondamentale dell’immagine promozionale, da curarsi su scala territoriale per dare visibilità nazionale ed internazionale al Territorio”.

“Grande attenzione – continuano – sarà da dedicare alla cura dell’immagine ed alla realizzazione del o dei brand che caratterizzeranno e qualificheranno il prodotto. Paesaggio, monumenti, manifestazioni e gastronomia sono da considerarsi fondamentali ed imprescindibili complementi di un’offerta turistica globale da proporre sapientemente e professionalmente a tutti i potenziali futuri clienti, i turisti. La creazione di uno o più Brand collegati tra loro in un unico generale grande disegno promozionale, armonizzandoli in un’offerta inclusiva da promuovere attraverso i canali ufficiali di settore quali, fiere nazionali ed internazionali di settore, riviste specializzate, portali web specifici e trasmissioni televisive tematiche, sarà determinante per il successo del progetto. Vedremo come il segno, la forma e il colore possano amplificare e migliorare la comunicazione dei luoghi afferenti al progetto di recupero e di valorizzazione del territorio. Come creare sinergie tra le diverse realtà artigianali e/o commerciali del luogo al fine di creare corridoi che fungano da cassa di risonanza utile a richiamare l’attenzione verso i luoghi/eventi inseriti all’interno di questo ambizioso ma importante progetto”.

– Claudia Monaco –

























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*