Calcio: Per il Valdiano è l’anno giusto. Gli azulgrana vincono anche quando non giocano























I segnali che questo sia l’anno giusto per il Valdiano per  l’approdo nel massimo torneo regionale dei dilettanti si sono evidenziati dopo poche giornate di campionato, quando, pur incappando in un paio di passi falsi, non ha mai visto la vetta troppo distante, se poi si considera che chi la precedeva ha viaggiato a ritmo lento rendendo la scalata alla vetta ancora più agevole.

Da qualche settimana, dopo aver messo tra sè e le avversarie un cospicuo vantaggio, la truppa di Tudisco, complice qualche assenza di troppo nel reparto avanzato (il bomber Morea e il promettente Costanzo infortunati) ha finito per rallentare favorendo l’avvicinamento delle inseguitrici ed in particolare della matricola Costa D’Amalfi che, con una gara da recuperare, avrebbe potuto portarsi nuovamente a ridosso degli azulgrana e mettere pressione al team caro al patron Carmine Cardinale. Ma il jolly a disposizione della formazione costiera impegnata nel match di recupero con il fanalino Evoli, gli uomini di Proto, lo ha hanno miseramente sciupato. E contro gli ebolitani, hanno rischiato addirittura di perdere visto che solo in pieno recupero il solito Criscuolo, al suo 20° sigillo stagionale, ha evitato la clamorosa sconfitta. Per cui a Morea e soci è stato rosicchiato solo un punto, e li fa rimanere a 6 punti di ritardo dalla vetta. Ovviamente, il pareggio che l’Evoli ha imposto al Costa D’Amalfi, è stato accolto con favore in casa del Valdiano che, ad otto giornate dalla conclusione della stagione, può vantare un discreto vantaggio e gestirlo senza la pressione che invece avrebbe avuto se il distacco come si era ipotizzato alla vigilia si fosse ridotto a soli 4 punti.

Un altro segnale che induce a farci affermare che per la squadra di calcio della “Città Museo” sia davvero l’anno giusto per entrare nel gotha dei dilettanti regionali.





– Gerardo Lobosco –


























Comments are closed.